Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:50 METEO:PISA8°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 08 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Festa dell'Immacolata, il Papa a sorpresa in piazza di Spagna

Attualità mercoledì 09 settembre 2020 ore 09:08

"No al nido per i figli dei sanitari Covid"

Una comunicazione ricevuta da alcuni genitori ha fatto scattare la protesta. Poi il chiarimento;"Necessario dichiarare uso Dpi"



PISA — Una comunicazione ricevuta da alcuni genitori nella quale si diceva che, in base al decreto ministeriale sulla ripresa della attività scolastica in presenza nella fascia di età 0 - 6 anni, i figli di medici, tecnici, infermieri, oss, che lavorano nei reparti Covid ospedalieri, non avrebbero potuto accedere alle strutture delle scuole dell'infanzia che ripartono proprio in queste ore, con la presenza, per l'inserimento dei piccoli, anche di un genitore per qualche ora.

Immediate sono scattate le proteste e le richieste di chiarimenti. Così, dopo un interessamento dell'assessore comunale Munno, il coordinamento pedagogico di Palazzo Gambacorti ha trovato una soluzione in serata.

Di fatto, mentre ai genitori sarà chiesta una autocertificazione dove dichiarano che, negli ultimi 14 giorni, non hanno avuto contatti con persone positive, ai sanitari Covid sarò richiesto di attestare che nel loro lavoro sono stati "Coperti e protetti dai dispositivi di protezione individuale", i Dpi.

La vicenda, che ha provocato anche una serie di reazioni politiche, è stata raccontata dall'edizione pisana del quotidiano "La Nazione" che ha raccolto anche la dichiarazione dell'assessore all'istruzione del Comune di Pisa, che ha parlato di "Lacune nelle normative nazionali" e della "Ricerca immediata di una soluzione che garantisce un diritto" e specificando che è stata necessaria l'interpretazione, da parte del Comune, di una postilla contenuta in un documento ministeriale.

“È del tutto inutile celebrare in maniera retorica l'operato dei nostri 'eroi' che combattono in prima linea contro la pandemia se poi, di fatto, li si rende oggetto di vere e proprie discriminazioni come questa". Così il presidente della Fondazione Italia in Salute, Federico Gelli, ha commentato la notizia dei genitori operatori sanitari impegnati nella lotta al Covid-19 che sono stati contattati dal Comune di Pisa per fa sì che non portino i loro bambini nell'asilo nido I Passi.

"Un comportamento del genere non può neanche considerarsi dettato da motivi precauzionali. Si tratta di ignoranza. Proprio gli operatori sanitari impegnati contro il coronavirus, infatti, sono tra le categoria professionali più controllate. Gli altri bambini non correrebbero quindi alcun rischio inutile. Speriamo che il clamore nato intorno alla vicenda sia di aiuto per porre immediatamente correttivi ad una situazione altrimenti inaccettabile", conclude Gelli.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un malore improvviso ha strappato ai suoi cari la donna. Dalla Scuola Mondo l'hanno ricordata come "una persona generosa, creativa e brillante"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca