Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:40 METEO:PISA20°32°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 20 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Scontro in diretta tv tra Cecchi Paone e Cremaschi: «Intollerante e fascista»
Scontro in diretta tv tra Cecchi Paone e Cremaschi: «Intollerante e fascista»

Attualità martedì 19 aprile 2022 ore 11:10

Oltre 100 ucraini aiutati dalle Acli provinciali

Consegna di beni di prima necessità ad una famiglia ucraina

Dalla guerra alla casa grazie a Bhalobasa e alla rete di prossimità delle Acli. Per Olena e Liliia un alloggio messo a disposizione da un volontario



PISA — Per Olena e Liliia, sorelle fuggite dalla guerra in Ucraina con i figli Danil e Artem, occorreva una casa, che è arrivata grazie a Bhalobasa, l’associazione impegnata in tanti progetti di solidarietà internazionale ma anche nell’accoglienza sul territorio, da una settimana accolti in un’abitazione messa a disposizione da un volontario. Altre nove famiglie, invece, avevano chiesto sostegno alimentare e sono state messe in contatto con la Caritas diocesana

Funziona esattamente così la “rete di prossimità” coordinata, ormai da più di un mese, dal “Punto Famiglia” delle Acli provinciali di Pisa: da una parte i bisogni delle famiglie in fuga dal conflitto, dall’altra l’ondata di solidarietà diffusa che ha coinvolto tanti cittadini del territorio pisano. C’è anche chi ha messo a disposizione un alloggio e chi avendo accolto in famiglia chiede un orientamento ed un supporto. In mezzo ci sono loro, gli operatori e i giovani volontari in servizio civile del “Punto Famiglia”, che da una parte raccolgono i bisogni e le necessità e dell’altra le offerte di aiuto. E poi cercano d’incrociarlo individuando la risposta migliore, fra quelle disponibili e possibili, per ciascuno.

Attivatori e connettori di reti, insomma. E funziona. “Sino ad oggi abbiamo seguito 34 famiglie, 102 persone in tutto, oltre un terzo dei quali bambini a fronte di 87 persone che si sono rivolte allo sportello per offrire qualche forma di sostegno o, semplicemente per essere aggiornati sulle eventuali necessità e capire come rendersi utili – sintetizza il presidente provinciale delle Acli pisane Paolo Martinelli -. Più di tutti, e ancora prima delle necessità specifiche, emerge un comprensibile bisogno di orientamento: sull’iter burocratico da seguire subito dopo l’arrivo in Italia ma anche sulle pratiche e procedure per l’iscrizione scolastica dei figli. Poi ci sono anche i bisogni materiali: per quelli alimentari indirizziamo verso i servizi della Caritas mentre alle richieste di vestiario stiamo provvedendo grazie alla San Vincenzo de ‘Paoli e alle disponibilità della rete di prossimità che ha risposto anche a richieste ludiche e sportive per i bambini e accompagnamento". 

"Attivando la rete di Ipsia Acli - ha raccontato Martinelli - ci siamo trovati a dare indicazioni anche ad una famiglia ucraina purtroppo ancora bloccata a Novosofievka vicino Kherson in territorio sotto il controllo dell'esercito russo e che chiedeva aiuto per l’attivazione di corridoi umanitari”.

Entrare a far parte della rete di prossimità o chiedere aiuto è semplice: basta chiamare o mandare un messaggio al 379.1813508 oppure inviare una mail a puntofamiglia.pisa@acli.it. In parallelo prosegue anche la ricerca di alloggi dedicati da segnalare ai canali istituzionali di accoglienza e la raccolta fondi a sostegno degli interventi di Acli Ipsia e della rete Caritas in Ucraina. I fondi destinati alla prima saranno per l’acquisto in loco di materiale medico sanitario, alimenti e generi di prima necessità per profughi al confine con l’Ucraina e per sostenere l’accoglienza nel centro Ipsia di Trento e in altre strutture d’Italia. 

Per sostenere questi interventi l’iban è IT60C0760101600001051449377 (intestato a Istituto Pace Sviluppo Innovazione Acli-Ipsia, causale “Emergenza Ucraina”). 

In Ucraina, invece, sono tutt’ora attive Caritas Ucraina e Caritas Spes, espressione, rispettivamente, della chiesa greco-cattolica e della chiesa latina, in questi giorni terribili di bombardamenti e guerra ininterrotta, entrambe impegnate nell’accoglienza delle famiglie, nel trasporto verso luoghi più sicuri degli sfollati e nella gestione dei centri collettivi in cui dormire, mangiare e curare i bambini. Per sostenere questi interventi l’iban è IT60U0523214002000000012410 (intestato a Arcidiocesi di Pisa – Caritas diocesana di Pisa, causale “Ucraina’’).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il gruppo de La Città delle Persone rivendica il progetto per il nuovo passaggio: "Ipotesi migliore di una ciclabile tortuosa e costosa"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità