Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA10°13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 02 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Guardare il mondo da un metro di altezza: la storia di Francesca Moscardo

Politica mercoledì 20 ottobre 2021 ore 17:30

"Reparto dialisi, promesse disattese"

L'ospedale di Cisanello

La Aoup cambia quanto pianificato e Irene Galletti, consigliera regionale del Movimento 5 Stelle, chiama in causa la Regione Toscana



PISA — “Disatteso l’impegno preso con i cittadini. La Regione chiarisca in aula”, così Irene Galletti, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Regione Toscana, sul caso del nuovo reparto dialisi che l'Aoup intende ora realizzare al Santa Chiara, rinunciando a quanto avevano chiesto, e sulla carta ottenuto, i dializzati di Pisa.

“Mentre i pazienti in dialisi sono ancora nel seminterrato del monoblocco 30C di Cisanello, lo stesso locale che si allagò nel 2015 - ha ricordato Galletti -, contro ogni accordo stabilito per spostare il reparto in un nuovo edificio da costruire in un’area verde del complesso sanitario la nuova dirigenza dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana ha prospettato la nuova ipotesi di spostare il reparto dialisi al Santa Chiara. Un fatto grave che l’assessore alla Salute Simone Bezzini dovrà chiarire in Aula rispondendo ad una nostra interrogazione regionale”.

“Nel 2017 - ricostruisce Galletti - la nuova struttura concordata tra il Comitato Dializzati e l’ex direttore generale Rinaldo Tomassini aveva già un progetto esecutivo ed un cronoprogramma, disatteso e ripianificato più volte nel corso degli anni. Ma a Luglio 2021 Aoup torna sulle decisioni prese, nonostante il finanziamento già stanziato di oltre 4 milioni e lo slittamento dei tempi di circa 35 mesi, riproponendo l’ipotesi - già superata dai precedenti accordi - di uno spostamento al Santa Chiara".

“Nel colpevole silenzio della Regione - attacca la capogruppo M5s - che non si è ancora fatta sentire per bocca dei suoi rappresentanti in Giunta, si configura una decisione inaccettabile per i dializzati ma anche per l’intera comunità di Pisa, perché tradisce un patto siglato tra i cittadini e le istituzioni e manda in fumo gli investimenti fatti ad oggi. Il tutto aggravato da un incomprensibile ritardo nell’esecuzione dei lavori, che senza dubbio ha partecipato alla ridefinizione del progetto come lo conosciamo oggi”.

“Eppure - osserva Galletti - la questione poteva essere posta dall’Assessore Simone Bezzini e dal Presidente del Consiglio regionale, Antonio Mazzeo, alla dirigenza Aoup lo scorso 15 Ottobre, durante il sopralluogo ai nuovi cantieri dell’ospedale di Cisanello. Tra tutte le palazzine in costruzione ne mancava in effetti una: quella promessa ai dializzati. Quale occasione migliore per dare spiegazioni?”.

“La politica fallisce nel suo compito quando non rispetta gli impegni presi con i cittadini - conclude la consigliera pentastellata -, ma al netto di questo l’Assessore Bezzini dovrà spiegare in Aula a tutti i toscani perché persone fragili come i dializzati pisani dovranno aspettare fino al 2024 per sperare di vedere risolta una questione nata nel 2015 con un fatto grave come un’alluvione".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il tracciamento dei contagi aggiornato alle ultime ventiquattro ore e il punto sui ricoveri nelle aree Covid degli ospedali pisani
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità