Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:15 METEO:PISA19°27°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 19 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Inginocchiati o ti sparo»: il video de Il Foglio della lite al ristorante di Albino Ruberti, capo gabinetto di Gualtieri

Politica martedì 12 novembre 2019 ore 07:00

Padoan, "Resto contro quota cento"

Pier Carlo Padoan con Dino Pesole ( al centro )

L'ex ministro lo ha ribadito in un incontro promosso a Pisa dall'associazione "Fare Politiche" per parlare di legge di bilancio



PISA — Tanta gente ha ascoltato il dialogo tra l’ex ministro dell’Economia e delle Finanze, l’Onorevole Pier Carlo Padoan, e l’editorialista de Il Sole 24 Ore, Dino Pesole, organizzato dall’associazione Fare Politiche. Una conversazione a tutto tondo sulla prossima Legge di Bilancio. Quota100, Plastic Tax, blocco dell’Iva e non solo: questi i principali temi trattati durante l’iniziativa.

"Se si vuole affrontare il problema del pensionamento anticipato, lo si può fare in modo più efficiente rispetto a quanto non si sia fatto con Quota100 – spiega Pier Carlo Padoan – una misura che, personalmente, ho sempre ritenuto dannosa e che spero sia gradualmente eliminata".

Tra le principali iniziative suggerite, anche una lotta più decisa all’evasione fiscale che vale, ogni anno, pressappoco 100 miliardi di euro. "La lotta all’evasione fiscale è una scelta politica ed etica necessaria – specifica Andrea Pieroni, consigliere regionale e fondatore dell’associazione Fare Politiche – ma non dobbiamo dimenticarci quanto sia necessario semplificare e sburocratizzare il rapporto tra il cittadino e il fisco". A questo, Pieroni aggiunge anche un altro punto: la diminuzione del costo del lavoro. "Incidere positivamente sul cuneo fiscale è fondamentale per dare risorse utili alle imprese per innovazione ed internazionalizzazione – continua – l’Italia, del resto, deve poter puntare sull’export".

Molte le domande, non solo dal pubblico. L’evento, infatti, ha voluto coinvolgere in pieno i partecipanti, chiedendo direttamente a loro alcune opinioni sui contenuti principali della futura Legge di Bilancio. "È stato senz’altro un esperimento interessante – commenta Valerio Martinelli, presidente di Fare Politiche – i tanti presenti all’iniziativa sono stati suddivisi in due gruppi, distinti per età: in questo modo, abbiamo potuto valutare le diverse reazioni alle misure che saranno adottate dalla manovra finanziaria in base alla diversa generazione di appartenenza". Un esperimento, questo, che l’associazione cercherà di ripetere anche per future iniziative.

E proprio tra le future iniziative, Fare Politiche proseguirà il proprio cammino anche sui territori. 

A queste, infine, si aggiungerà anche un progetto più ambizioso: la Scuola di Politiche Toscana, l’edizione a base regionale di quella (nazionale) promossa, ormai da qualche anno, dall’ex presidente del Consiglio Enrico Letta. Un progetto di Fare Politiche che, nei prossimi giorni, sarà vagliato dai responsabili della sede nazionale. "Speriamo possa essere una bella occasione di formazione e di crescita che, nella nostra Regione, non ha precedenti – conclude Martinelli – ci auguriamo una grande partecipazione da parte dei giovani della Toscana".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il vento a oltre 140 chilometri orari e il nubifragio hanno spazzato il litorale e il centro di Pisa. Al lavoro il personale per la rimozione dei rami
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Attualità