Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:41 METEO:PISA12°19°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 06 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Cerciello, la vedova in lacrime: «Questa sentenza non mi riporterà Mario»

Attualità lunedì 16 ottobre 2017 ore 16:03

Patologia clinica, Aoup tra le migliori in Italia

I rappresentanti del laboratorio di patologia clinica dell'Aoup al congresso nazionale di Riva del Garda

Le tecniche di diagnosi della fibrosi cistica condotte dall'Azienda ospedaliera univirsitaria pisana sono state premiate al congresso nazionale Sipmel



PISA — Una metodica originale che consente la determinazione del cloro nel sudore e che ora verrà introdotta nell’attività assistenziale dell’Aoup, ponendola così all’avanguardia nella diagnosi della fibrosi cistica, ha ricevuto il primo premio fra le presentazioni scientifiche al congresso nazionale della Sipmel (Società italiana di patologia clinica e medicina di laboratorio) che si è tenuto a Riva del Garda con oltre 800 specialisti. 

Il test originale, basato su una tecnica di Inductively Coupled Plasma Mass Spectrometry (ICP-MS), è stato messo a punto e validato nel Laboratorio di Patologia clinica dell’Aoup diretto dal professor Aldo Paolicchi, sotto la guida del dottor Alessandro Saba ed è stato presentato dalla dottoressa Antonella Marvelli, specializzanda (nella foto in basso a destra). La procedura ha caratteristiche di elevatissima specificità, sensibilità, riproducibilità e un costo estremamente contenuto per cui potrà essere applicato con successo nella pratica clinica.

Un ulteriore premio, ritirato dalla dottoressa Laura Caponi (nella foto in piedi al centro), è stato attribuito per i progressi conseguiti nel campo delle metodologie per la determinazione delle catene leggere libere delle immunoglobuline nel siero, un test fondamentale nella gestione dei pazienti con mieloma multiplo e malattie correlate. Il riconoscimento premia più in generale il lavoro svolto in questi anni dal gruppo di ricerca nel campo della chimica delle immunoglobuline, e che ha fatto della Patologia clinica pisana un riferimento anche per le aziende del settore.

Infine, la dottoressa Roberta Lamanna, attualmente in servizio nella Immunogenetica dei trapianti dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Parma e che si è formata a Pisa (dove si è specializzata), ha ritirato il premio per una ricerca nel campo dell’immunologia dei trapianti.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I report di Regione e Asl segnalano 71 nuove positività in provincia di Pisa. Ecco i numeri che fotografano le ultime 24 ore
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità