Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PISA17°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 29 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Fiume di fango sfiora le case: a Formia frana la montagna dopo il nubifragio

Attualità sabato 01 aprile 2017 ore 09:32

Petizione contro le tariffe della Ztl

Promossa dal Comitato dei residenti del Quartiere di S.Maria è in corso una raccolta firme contro il pagamento delle tariffe Ztl



PISA — E’ in corso una raccolta di firme degli abitanti del Quartiere di S.Maria a Pisa per rivolgere una petizione al Sindaco con la richiesta di eliminare o ridurre, per i residenti e i domiciliati, le tariffe annuali previste per la sosta a pagamento nella Ztl.

L’iniziativa, promossa dal Comitato di S.Maria, fa seguito all’assemblea che nel gennaio scorso ha deciso l’ “autoriduzione”, ossia di non corrispondere o quantomeno di versare solamente in parte il contributo annuale per ottenere il permesso di acceso e di sosta in ZTL.

Già nel 2016 era stata avanzata analoga richiesta al Comune, che non aveva dato nessun esito.

Dopo una valutazione dei legali del Comitato, è emerso il parere che "Una tale presa di posizione avrebbe prodotto le seguenti conseguenze: mancata concessione dell’autorizzazione; sanzione per ogni accesso nella ZTL; eventualità di ricorrere dinanzi al Giudice di Pace competente per contestarne la legittimità; rischi relativi ad un mancato accoglimento, tutt'altro che improbabile, del ricorso (corresponsione della sanzione, oltre alla condanna alle spese legali)". 

Dinanzi ad un quadro del genere, il Comitato "Ha ritenuto opportuno adottare un altro metodo, che persegua lo stesso obiettivo, anche se con effetti successivi al pagamento". 

La petizione al Sindaco, che è uno strumento democratico di partecipazione previsto dall’art. 54 dello Statuto comunale, parte da un presupposto. L'unica ragione del pagamento della Ztl è, sostanzialmente, il parcheggio ed ha un costo di 101,00 euro per la prima auto, mentre le tariffe per Zsc (zona con sosta controllata, c.d.”Stalli blu”) nelle aree di residenza limitrofe al quartiere prevedono un costo annuale mediamente inferiore: 20 euro (B1 e B2), 30 euro (A1), 50 euro (A2), 74 euro (A3).

I residenti firmatari chiedono "In primo luogo l’eliminazione della tariffa ZTL. In alternativa, di uniformarla a quella annuale prevista per le Zsc applicando una cifra ridotta di almeno il 50%. Infine, che venga disposto l’eventuale rimborso delle somme pagate in eccedenza".

"Una lettura delle tariffe praticate verso i vari soggetti autorizzati evidenzia l’assenza di qualsiasi criterio di razionalità ed omogeneità, rappresentando il risultato di una stratificazione estemporanea delle esigenze da soddisfare, nel corso del tempo, delle varie categoria di utenti". 

Il Comitato dei residenti del Quartiere di S.Maria chiede da anni "La revisione delle tariffe ZTL, ingiuste e discriminatorie, l’eliminazione dei privilegi e i controlli in uscita sugli accessi abusivi, senza aver avuto nessuno risultato". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sul quotidiano parigino Libération, fondato da Sartre, la Torre di Pisa viene rivisitata dopo le recenti elezioni in una vignetta
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca