QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 12° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 20 febbraio 2019

Attualità domenica 29 aprile 2018 ore 18:07

"Troppa tensione, Filippeschi ritiri l'ordinanza"

Lo chiede il Pd provinciale al fine di mitigare lo scontro tra Toscana Aeroporti e Comune, che ha imposto la sosta dei bus al parcheggio PisaMover



PISA — Il muro contro muro fra Toscana Aeroporti e il Comune di Pisa potrebbe terminare presto, con un passo indietro da parte dell'amministrazione comunale. L'inivito a ritirare l'ordinanza, con la quale si impone la sosta dei bus turistici al parcheggio scambiatore della navetta PisaMover, arriva dalla segreteria provinciale del Partito democratico.

"La segreteria provinciale del Pd di Pisa - scrive Massimiliano Sonetti - esprime preoccupazione per le tensioni createsi fra la società Toscana Aeroporti e l'amministrazione comunale sulla vicenda del terminal dei bus navetta fra Firenze e il Galilei.Ritenendo necessario il rispetto delle ordinanze sindacali, ma auspica che si possa riaprire al più presto un confronto che possa condurre a soluzioni nuove, rispettose delle scelte infrastrutturali già compiute e al tempo stesso non penalizzanti per la competitività dello scalo". 

"Ogni atto che contribuisca a ristabilire un clima sereno e collaborativo è oggi il benvenuto - conclude il segretario provinciale dem -, per questo chiediamo di non escludere un ripensamento dei provvedimenti di fronte a fatti nuovi che prospettino concrete alternative".

In pratica, Sonetti chiede al sindaco Marco Filippeschi di ritirare l'ordinanza comunale, così da riaprire un dialogo con Toscana Aeroporti sulla gestione del PisaMover e dei bus turistici.

Il culmine dello scontro, dopo la battaglia legale vinta dal Comune, si è registrato oggi. Toscana Aeroporti ha attaccato duramente l'ordinanza del Comune acquistando una pagina sui quotidiani locali. Il titolo dell'inserzione: "#Isoliamolo. Il mondo si apre a Pisa, il Comune di Pisa chiude al mondo". "Tra le proteste generali - il sottotitolo -, le decisioni del Comune di Pisa rendono sempre più difficile raggiungere o lasciare l'aeroporto per 5 milioni di passeggeri che ogni anno portano valore alla Toscana".

Sull'argomento da registrare anche un durissimo commento da parte del candidato sindaco di centrodestra Michele Conti.

Serfogli-ppeschi e il Pd volevano far decollare Pisa, ma stanno precipitando senza paracadute in un volo suicida per loro stessi e per la città. Danno d’immagine, turisti e compagnie che scappano a vantaggio dello scalo di Bologna, posti di lavoro a rischio, dannose ricadute economiche sulle imprese e sul tessuto economico di tutto il territorio".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Imprese & Professioni