Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 04 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Davide Giri ucciso a New York, il dottorando italiano è stato accoltellato

Cronaca venerdì 05 ottobre 2018 ore 19:00

Presi a pugni perché gay, "Gesto inaccettabile"

La consigliera regionale Alessandra Nardini

Nardini: "Vicenda che fa male. Pisa città inclusiva". Diritti in comune: "Il sindaco faccia sentire la sua voce contro l'omofobia"



PISA — "Non volevo credere alla notizia e invece, purtroppo, il vile gesto raccontato dal giovane pietrasantino è accaduto davvero ed è accaduto a Pisa- commenta la consigliera regionale Pd Alessandra Nardini - Una città aperta, inclusiva, vivace che non permetteremo si trasformi nella sua brutta copia"

“Questa vicenda fa male. Fa ancora più male perché riguarda giovani: due ragazzi che hanno la sola ‘colpa’ di amarsi e altri che si lasciano accecare dall’odio e manifestano la loro foga con la violenza verso altri coetanei". 

"L’Italia ha fatto grandi progressi sulla strada dei diritti civili - aggiunge Nardini -  ma fatti come questo dimostrano che i passi da fare sono ancora molti a partire dall’approvazione di una legge contro l’omotransfobia. Non stanchiamoci di promuovere la cultura della parità e del rispetto, di combattere stereotipi e discriminazioni. Condanniamo con forza episodi come quest’ultimo di Pisa. Una condanna che, mi auguro, arrivi chiara e pubblicamente da ogni rappresentante delle istituzioni”. 

Anche la lista civica Diritti in comune (Una città in comune, Rifondazione Comunista, Possibile) esprime solidarietà e vicinanza: "Si tratta di un fatto molto grave per la nostra città - si legge in una nota di Diritti in Comune - e non va sottovalutato in alcun modo, soprattutto in un momento come questo, in cui si moltiplicano episodi del genere in tutta Italia".

"Ci auguriamo - conclude la nota- che vengano individuati i colpevoli e che al contempo anche il sindaco Conti faccia sentire con nettezza la sua voce contro l'omofobia".

Ad esprimere solidarietà ai due giovani, uno dei quali è allievo in procinto di concludere il suo percorso di studio, è anche la scuola superiore Sant'Anna. "E’ superfluo  - si legge in una nota dell'ateneo- ribadire la condanna verso questo gesto, come per ogni atto che implica violenza, ma è sconcertante notare come gli autori siano tre giovani che, in quanto tali, dovrebbero avere il rifiuto di ogni discriminazione come uno dei riferimenti, civili e culturali, alla base di ogni comportamento. L’aggressione conferma anche la necessità di proseguire azioni educative per contrastare l’intolleranza, che, nel caso specifico, si è espressa con una escalation di violenza nei confronti di persone giudicate estranee rispetto al proprio modo di pensare e di agire".

"La nostra comunità - conclude la scuola superiore Sant'Anna- troverà l’occasione per manifestare la propria vicinanza ai due giovani, rilanciando quel messaggio di rispetto che caratterizza il mondo di pensare e di agire di chi vive e lavora alla Scuola Superiore Sant’Anna. Soltanto dal confronto, leale e corretto, derivano progresso e convivenza pacifica e fruttuosa, a beneficio di tutta la nostra società".

"Siamo rimasti increduli nel leggere la notizia dell'aggressione subita da Marco e Christian, qui a Pisa, città che della cultura e della accoglienza ha fatto il suo tratto distintivo, o forse dovremmo dire ne faceva? Presenteremo una mozione al prossimo Consiglio Comunale per un impegno diretto ed incisivo del Comune per la promozione di una cultura all'educazione alle differenze. Certo - dice Olivia Picchi, consigliera comunale Pd - colpisce il silenzio di Palazzo Gambacorti che a ormai due giorni dall'accaduto non ha speso una parola di solidarietà alla coppia e di stigmatizzazione dell'accaduto. Questi fatti dovrebbero far riflettere tutti, soprattutto appreso che gli aggressori sono poco più che adolescenti. Stiamo abituando i ragazzi ad un vuoto di valori e riferimenti, è qui che dobbiamo intervenire. Invece di preoccuparsi di chi mangia i panini sulle scale delle chiese dobbiamo preoccuparci di formare nuovi cittadini: liberi e rispettosi delle regole di convivenza civile. A Marco e Christian va tutta la nostra vicinanza e solidarietà".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo residente nel Pisano è stato arrestato dalla polizia postale. L'indagine della procura di Firenze si sviluppa anche in altre province toscane
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità