Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PISA11°20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 28 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Casellati contro Santangelo (M5S): «Lei è un grande maleducato, io l'ammonisco

Cronaca venerdì 08 gennaio 2021 ore 18:40

Ricoveri Covid in calo, già 4.500 vaccinazioni

Il professor Menichetti si sottopone alla vaccinazione anti-Covid

Negli ospedali di Cisanello e Santa Chiara è tornato a calare il numero dei ricoveri. Il punto dell'Azienda ospedaliero universitaria pisana



PISA — Negli ospedali di Cisanello e Santa Chiara, entrambi gestiti dalla Aoup, si è assistito oggi ad un nuovo calo del numero delle persone ricoverate in area Covid-19: eri i ricoverati erano 98, due giorni fa 97, oggi sono 90. Di questi sono 15 quelli in condizioni più gravi, ovvero che necessitano di assistenza in terapia intensiva, numero stabile rispetto a ieri.

Nel frattempo, prosegue a pieno ritmo il programma delle vaccinazioni anti-Covid-19, con 14 ambulatori paralleli allestiti nell'Edificio 3 di Cisanello in grado di garantire una media di 900 vaccinazioni al giorno. Finora, quindi, considerati anche i primi 50 vaccinati del V-day del 27 dicembre, si sono sottoposte a vaccino circa 4.500 persone fra le categorie prioritarie individuate dal Governo, di concerto con le Regioni. 

"Il flusso costante è garantito da un’organizzazione estremamente articolata e accurata - hanno spiegato dall'azienda ospedaliera - che ha previsto una serie di figure addette alle varie tappe del processo, dall’accettazione-identificazione del vaccinando alla preparazione della dose, all’iniezione, alla registrazione (con contestuale appuntamento per la dose di richiamo), alla sorveglianza post-vaccino per il tempo di osservazione previsto (15 minuti), all’uscita del vaccinato". 

Il primo piano dell’Edificio 3 di Cisanello in questi giorni (dal 1 Gennaio, oltre all’anticipo del 27 Dicembre) accoglie quindi un via-vai continuo di persone – ma senza code - dove ciascuno viene instradato nel suo ambulatorio e, una volta completata la procedura e l’osservazione, esce dallo stabile. 

"La puntualità sta garantendo la fluidità del percorso - hanno aggiunto dalla Aoup - per cui si riesce a vaccinarsi anche prima dell’orario previsto. Finora in Toscana sono stati vaccinati circa 34mila dipendenti del Servizio sanitario regionale. Le sedute vaccinali vengono effettuate mattina e pomeriggio nei vari ambulatori allestiti, in cui operano i farmacisti per la preparazione delle dosi, medici, infermieri, operatori socio-sanitari, coordinatori, amministrativi addetti all’accettazione oltre al team di emergenza". 

La somministrazione del primo ciclo di vaccino, per chi si era regolarmente pre-iscritto, dovrebbe concludersi entro metà Gennaio. Il secondo ciclo (la dose di richiamo) è prevista dopo circa tre settimane. Chi non ha aderito alla pre-iscrizione durante la fase di ricognizione regionale, conclusasi il 18 Dicembre, potrà prenotarsi sul portale successivamente.

Non mancano però alcune polemiche politiche. Il gruppo di minoranza "Una città in Comune" chiede lo "stop al ricorso agli interinali da parte dell’Aoup", auspicando "un grande piano di assunzioni, anche per gestire la vaccinazione".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un servizio da anni sperato e invocato dai residenti del litorale. Il cantiere, partito in questi giorni, dovrebbe durare 6 mesi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Politica

Attualità

Sport