Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:55 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 22 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Russia invia caccia in Bielorussia (che confina con l'Ucraina) per esercitazioni congiunte

Politica martedì 17 novembre 2020 ore 11:55

Rifiuti a Retiambiente, ok anche da Comune di Pisa

"Riusciti a mantenere pubblica la società e con essa il controllo dei Comuni sulla qualità del servizio. Ora rivedere il sistema degli Ato"



PISA — "Dopo l’approvazione in Consiglio comunale a Pisa, l’Assemblea di Retiambiente ha votato il nuovo statuto e l’assemblea di ATO Toscana Costa ha affidato il servizio a partire dal 1 gennaio 2021. Con 48 voti a favore, 9 contrari e 7 astenuti, venerdì scorso l’assemblea di Retiambiente ha votato il nuovo statuto. I Comuni favorevoli, con 79,48% del capitale sociale, hanno così finalmente messo fine a una storia che si trascinava colpevolmente dal 2011. La società che dal 1 gennaio 2021 andrà a occuparsi, a seguito dell’affidamento del servizio da parte dell’ATO Toscana Costa, dei servizi di raccolta dei rifiuti e igiene urbana, avrà la forma di una holding in house, e manterrà attive le Società Operative Locali che già svolgono il servizio sul territorio."

L' assessore all’ambiente Filippo Bedini ha commentato così il passaggio dei servizio rifiuti a Reteambiente ( vedi articoli correlati ).

"Quella di una società interamente pubblica, che abbiamo sbloccato con il nostro ingresso a metà 2018 nelle assemblee di Ato e Retiambiente, è una scelta strategica che supera il modello della società mista con la previsione di individuare il soggetto privato tramite gara. Riteniamo che rifiuti e igiene urbana debbano essere gestiti dal pubblico, per moltissime ragioni, non ultimo il fatto che diversamente sarebbe diventato praticamente impossibile esercitare il controllo analogo, un aspetto fondamentale. E con la formula cui si è arrivati - lo ripeto, anche grazie a noi - i Comuni possono continuare ad avere voce in capitolo su un servizio essenziale e strategico, non abdicando alle loro funzioni: la holding che mantiene le singole società non solo garantisce il controllo analogo, ma permette anche alle singole Amministrazioni Comunali di mantenere la capacità di verificare da vicino la qualità del servizio offerto e intervenire anche nei dettagli e sui piccoli disservizi con tempestività ed efficacia. Diversamente saremmo andati incontro a scenari imprevedibili."


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ore di apprensione e ricerche per la scomparsa di un dipendente pubblico che non ha fatto ritorno a casa. In campo anche le unità cinofile
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cultura

Cronaca