Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:19 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 20 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella allontana ancora la sua rielezione: «Csm presto presieduto dal nuovo capo di Stato»

Politica sabato 08 maggio 2021 ore 07:30

"Rischio 'classi pollaio', urgente intervenire"

"Nella provincia il Provveditorato taglia una cinquantina di cattedre, costringendo le scuole a rinunciare a trenta classi" dice Fabiana Angiolini



PISA — "In questi giorni i Provveditorati agli Studi stanno procedendo all’organizzazione dell’assetto per il prossimo anno scolastico e "le notizie che ci arrivano su questo fronte non sono assolutamente confortanti" segnala Fabiana Angiolini, responsabile scuola, istruzione, politiche di genere, pari opportunità della segreteria comunale del Partito democratico di Pisa.

"Come è ormai noto a tutti - spiega Angiolini -, il mondo della scuola è ancora immerso in una situazione di emergenza causata dal Covid-19 da cui fatica ad uscire nonostante gli sforzi dell'intera comunità scolastica, un'emergenza che si è purtroppo abbattuta su una situazione già gravata da difficoltà annose e strutturali, tra le quali indubbiamente spicca la questione del dimensionamento delle classi a partire dal DPR 81/2009 (meglio conosciuto come Decreto Gelmini), nota al grande pubblico come problema delle “classi pollaio”, una triste realtà diffusa nelle scuole italiane con classi composte anche da ben trenta alunni".

"Contro le “classi pollaio” - prosegue l'esponente Pd - si sono alzate innumerevoli voci a sottolineare problemi didattici, a pronunciare parole di condanna e promesse di impegno. Eppure, nulla è cambiato: dal Provveditorato, per fermarci alla sola provincia di Pisa, si procede a tagliare più di cinquanta cattedre chiedendo alle scuole dell'istruzione secondaria di primo e secondo grado di rinunciare ad una trentina di classi, con l’effetto automatico di andare a costituire nuovi gruppi classe numerosi e con enormi difficoltà di gestione, che ricadranno sugli studenti e, in primo luogo, sugli studenti con particolare fragilità. Non è inutile ricordare che saranno penalizzati soprattutto gli istituti che, per le loro peculiarità, ospitano un numero maggiore di questi studenti a cui si aggiungono quelli certificati in base alla legge n.104 del 1992. Mentre le singole istituzioni scolastiche, come ogni anno, sono impegnate a cercare di limitare i danni, obbligate a scegliere da che parte tirare una coperta sempre troppo corta per rispondere ai bisogni educativi degli alunni, il Partito Democratico sottolinea con forza la necessità di un intervento urgentissimo che ponga finalmente fine a questa situazione".

"Sono molti i bisogni della scuola e quasi tutti con necessità di risposte meditate e di ampio respiro, ma sul dimensionamento delle classi non possono esserci dubbi, tentennamenti, o ulteriori rinvii: la qualità e l'efficacia dell'insegnamento sono troppo importanti per soggiacere a criteri di miope risparmio che penalizzano il futuro delle giovani generazioni, del nostro paese e della nostra democrazia. Per questo non possiamo sopportare un ulteriore anno di sacrifici sulle spalle della scuola e intendiamo mobilitarci a favore degli studenti, dei docenti e delle famiglie. Chiediamo - conclude e propone Angiolini -, almeno per quest'anno, una deroga ai parametri che presiedono alla composizione degli organici. Tale deroga potrebbe tra l’altro diventare una costruttiva sperimentazione per la progettazione di una strutturale ridefinizione al ribasso del DPR 81/2009 (annunciata in sede di protocollo sottoscritto il 6 agosto 2020 tra MI e sindacati) in sede di PNRR".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati aggiornati dal bollettino regionale fanno salire a 71286 le positività registrate da inizio epidemia in provincia di Pisa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità