QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 17°24° 
Domani 16°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 21 ottobre 2019

Attualità domenica 13 dicembre 2015 ore 07:00

Scienza vs informatica, scrittori a confronto

Paul Di Filippo, uno dei padri dello Steampunk, dialoga con i massimi esperti mondiali di tecnologia al Museo degli strumenti per il calcolo



PISA — Paul Di Filippo, uno dei più noti scrittori di fantascienza al mondo, a confronto con alcuni tra i massimi esperti di informatica: lunedì 14 dicembre alle ore 15 al Museo degli Strumenti per il Calcolo di Pisa ultimo appuntamento di STEMpink, rassegna organizzata dall’Università di Pisa in occasione dei 200 anni dalla nascita di Ada Lovelace, prima programmatrice della storia.

Ad introdurre la giornata, pensata come un dialogo tra scienza e fiction, lo scrittore Marco Malvaldi. Per la parte scientifica interverranno Silvio Hénin, storico dell’informatica e autore del volume “Il computer dimenticato. Charles Babbage, Ada Lovelace e la ricerca della macchine perfetta” (Hoepli, 2015), Doron Swade, massimo esperto mondiale su Babbage e le sue macchine, impegnato nel progetto di ricostruzione della Macchina Analitica, antesignano ottocentesco del moderno computer, e Carlo Randone, divulgatore scientifico e Senior IT Architect di IBM.

Sul fronte fiction, Paul Di Filippo interverrà in collegamento Skype, mentre sarà presente a Pisa, Sydney Padua, autrice del graphic novel “The thrilling adventures of Lovelace and Babbage” (Pantheon, 2015). A fare da ponte tra i due mondi Fabio Gadducci, esperto di narrativa popolare e Direttore del Museo degli Strumenti per il Calcolo. A conclusione del dibattito proprio Gadducci guiderà relatori e spettatori in una visita guidata tra le vetrine del Museo, che ospita una delle collezioni più vaste al mondo di calcolatori ottocenteschi, oltre a numerose (e curiose) macchine che hanno fatto la storia dell’informatica.

Il titolo della rassegna STEMpink è un gioco di parole tra STEM, acronimo che sta per Science, Technology, Engineering and Mathematics, e Steampunk, genere letterario di cui lo stesso Di Filippo è uno dei capostipiti. E’ anche grazie a graphic novel e romanzi di fantascienza, infatti, che oggi il nome di Ada Lovelace è noto al grande pubblico, con un linguaggio di programmazione a lei dedicato e alcune giornate internazionali (gli Ada Days) che ogni anno celebrano i successi riportati da donne nel campo scientifico. Ed è per questo che STEMpink, in tre appuntamenti dal sapore internazionale, ha portato a Pisa scrittori di fantascienza come Bruce Sterling e Di Filippo assieme ad esperte di alta tecnologia e intelligenza artificiale come Luigia Aiello e Jasmina Tesanovic.

Lunedì 14 dicembre sarà disponibile un servizio di traduzione simultanea.



Tag

«Report», l'indagine sulle capsule di caffè che non si smaltiscono e quelle (poche) di alluminio riciclate

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Politica