comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:30 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 24 novembre 2020
corriere tv
Lilli Gruber a Conte: «Ha mai sentito Mario Draghi?». E il premier non la prende bene

Attualità sabato 11 luglio 2020 ore 14:35

Scuola in sicurezza, le mosse di Calci e Vecchiano

Amministrazioni comunali e dirigenze scolastiche al lavoro per programmare la ripresa delle lezioni per il mese di settembre



PISA — Si è svolta lo scorso 2 luglio la prima Conferenza dei Servizi per programmare la ripartenza delle attività scolastiche 2020/21 a Vecchiano. Hanno partecipato all'incontro la Dirigente Scolastica dell'Istituto Comprensivo Daniela Settesoldi, la professoressa Sonia Pieraccioni, il sindaco Massimiliano Angori e l'assessore alla Politiche Scolastiche Lorenzo Del Zoppo

"E' stata analizzata una prima proposta operativa inerente la riorganizzazione delle modalità di frequenza di bambini e ragazzi, dalle scuole dell'infanzia alla scuola secondaria G. Leopardi di Via del Capannone - hanno spiegato Angori e Del Zoppo -. L'obiettivo comune è quello di considerare la Didattica a Distanza - Dad una forma complementare, ma residuale, rispetto alle attività scolastiche, al fine di generare un sistema scuola quanto più inclusivo e socializzante nel rispetto delle prescrizioni anticontagio, seppure in questo periodo di pandemia da Covid19 ancora in corso. La Didattica a Distanza, infatti, un lavoro encomiabile svolto nei mesi scorsi grazie alla sinergia tra insegnanti e famiglie per far sì che in questo periodo i ragazzi potessero comunque svolgere almeno in parte i programmi didattici, non è sufficiente ad assolvere al ruolo della scuola, in tutte le sue forme, dove appunto la socializzazione è alla base dell'esperienza di bambini e giovani. Una socializzazione che, malgrado il periodo di emergenza, vale la pena tentare di portare avanti da settembre, con tutte le cautele del caso, e magari sperimentando nuove formule". 

"Per quanto concerne il Comune è bene sottolineare che il nostro Ente ha accolto la lista degli interventi necessari da effettuare sugli spazi e sui plessi scolastici - hanno aggiunto sindaco e assessore vecchianesi -, ed è già al lavoro per una loro efficace realizzazione. Il Comune di Vecchiano ha ricevuto dal Governo, inoltre, 40mila euro da destinare all'acquisto e messa a punto dell'edilizia leggera nei plessi scolastici del nostro territorio; si tratta di importanti risorse economiche che contribuiranno a garantire la ripresa in sicurezza".

Passi avanti anche a Calci, dove il gruppo di maggioranza ha confermato il suo impegno per garantire il più possibile la ripresa delle lezioni in presenza.

"L’emergenza Covid che ha travolto abitudini e vite e che ha spezzato per tre mesi il legame tra studenti e scuola “vera” non ha colto impreparata la nostra amministrazione - così Francesca Meneghini, dell gruppo consiliare Centrosinistra-Progetto Calci 2024 -, che da subito si è attivata per cercare le soluzioni più idonee per il rientro a scuola a settembre. In rapporto costante con la dirigenza scolastica abbiamo fatto sopralluoghi nelle scuole per verificarne capienza e funzionalità, pensando anche a soluzioni alternative di didattica in presenza, se si verificherà tale necessità. L’Amministrazione comunale ha inoltre già iniziato a stanziare risorse proprie aggiuntive per contribuire ad affrontare questa fase di emergenza, come annunciato dal Sindaco nelle comunicazioni dell‘ultimo Consiglio Comunale". 

"Ci aspettiamo che le decisioni governative di qui a settembre siano tempestive e chiare - ha aggiunto Meneghini -, a partire dall’imprescindibile tema degli organici aggiuntivi (necessariamente e strettamente legato a quello degli spazi) in modo da poter poi garantire percorsi più veloci ed efficaci da parte delle amministrazioni locali ed investimenti che risultino efficaci. Per questo abbiamo presentato, in vista del prossimo consiglio comunale, una mozione dal titolo “Per ripartire in presenza e in sicurezza”, perché riteniamo che l’utilizzo della didattica a distanza debba essere uno strumento residuale, di natura emergenziale e non possa diventare uno strumento ordinario del sistema scolastico. Su questo saremo di stimolo e siamo pronti a fare la nostra parte".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità