Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:05 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 18 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Metsola non strinse la mano a Muscat

Attualità giovedì 04 febbraio 2016 ore 18:00

"Sdegno e rabbia"

Mazzeo sull'arresto della maestra: "Grazie a chi ha denunciato il fatto ai carabinieri". Gelli: "Mi auguro che venga inflitto il massimo della pena"



PISA — “Quelle che abbiamo visto oggi sono immagini che lasciano incredulità, sdegno e rabbia. Non ci sono e non ci possono essere giustificazioni. Né per chi li compie, né per chi si volta dall'altra parte e fa finta di non vedere. Affidare i propri figli a un nido e alle educatrici e agli educatori che ci lavorano significa per una famiglia riporre in loro una fiducia totale. Tradirla in questo modo è vergognoso e inaccettabile”.

Così Antonio Mazzeo, consigliere regionale Pd, sulla vicenda della educatrice di un asilo nido di Pisa arrestata con l’accusa di maltrattamenti.

“Voglio ringraziare – ha proseguito Mazzeo – chi ha avuto il coraggio di denunciare quello che stava accadendo ed ha permesso ai carabinieri di svolgere velocemente le indagini nell’interesse dei bambini e delle loro famiglie. Un pensiero, poi, a quelle educatrici e quegli educatori che, giorno dopo giorno, anno dopo anno, svolgono con competenza, passione e affetto per i bambini il loro lavoro e il cui ruolo non deve essere infangato da vicende come questa. Ora la giustizia faccia presto e bene il suo corso e punisca, come doveroso, le responsabilità che emergeranno”.

"Mi auguro che venga inflitto il massimo della pena, provo ribrezzo per ciò che ha commesso quella donna". E' invece il duro commento del deputato pisano Federico Gelli, che aggiunge: "Si faccia chiarezza su come quella donna abbia potuto lavorare in questi anni e sul suo passato personale e professionale. La sofferenza e il trauma psicologico che ha causato a quei bambini in un luogo che dovrebbe essere garanzia di protezione non troverà mai un pena adeguata , ma è giusto intervenire per dare tutte le risposte ai genitori che inconsapevoli hanno portato i loro figli in quella struttura".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le positività tracciate nelle ultime 24 ore fanno salire a 67830 quelle accertate in provincia da inizio epidemia. Altri 3 decessi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Cronaca

Attualità