Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:PISA10°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 27 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Bollette in aumento e prezzo del gas alle stelle: le 5 ragioni dietro alla crisi energetica

Cronaca mercoledì 07 luglio 2021 ore 14:50

Sdraio e ombrelloni nel mirino dei vandali

I balneari chiedono la chiusura notturna delle spiagge: "Non possiamo accettare di andare a lavoro e trovare le attrezzature distrutte"



PISA — Attrezzature danneggiate e ombrelloni divelti sul litorale pisano. Dopo l'episodio, avvenuto questa notte, i gestori degli stabilimenti balneari tornano a chiedere alle autorità competenti la chiusura delle spiagge dalle 1 alle 5 del mattino. A farsi portavoce di questo appello è il presidente Sib Confcommercio Pisa Fabrizio Fontani, che auspica “L'accoglimento della proposta inviata lo scorso 4 Giugno al prefetto, al sindaco e agli assessori competenti”.

“Abbiamo richiesto - precisa Fontani - di integrare l'attuale ordinanza che disciplina le attività balneari di competenza comunale con il divieto di accesso in spiaggia dalle 1 alle 5 del mattino. Una richiesta inviata con lettera ufficiale ormai più di un mese fa che purtroppo si è arenata, per la quale aspettiamo fiduciosi una risposta”.

“La sicurezza è una priorità assoluta per le nostre attività, e ora che la stagione estiva è entrata nel vivo non possiamo più perdere tempo per tutelare gli stabilimenti e permettere agli imprenditori del Litorale di lavorare in condizioni dignitose e sicure - afferma il direttore Confcommercio Provincia di Pisa Federico Pieragnoli - Nel corso della riunione organizzata con i gestori degli stabilimenti balneari prima dell'inizio della stagione la questione sicurezza è stato il tema più discusso, e chiediamo alle autorità competenti il massimo sforzo per garantire il rispetto delle regole e contenere i fenomeni di vandalismo che purtroppo ogni anno compromettono il lavoro degli imprenditori”.

“I danneggiamenti nella notte tra il 6 e 7 luglio sono la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso - conclude Fontani-  Non possiamo accettare di andare a lavoro e trovare ombrelloni, sdraio e attrezzature distrutte, e l'unica soluzione che può fare da deterrente a questi fenomeni è limitare la presenza notturna sulle spiagge, consentendola ai soli soggetti autorizzati”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il Coordinamento dei comitati cittadini lamenta scarsi controlli notturni e il dilagare in centro della mala movida. "Si rischia lo spopolamento"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Sport

Lavoro