Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PISA18°28°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 18 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Cercle d'Economia, Draghi: «Grazie a tutti, sto arrossendo»

Attualità sabato 29 novembre 2014 ore 11:32

Acquedotto e amianto, Arpat non ha competenze

A precisarlo è l'agenzia stessa: "Abbiamo uno specifico settore che si occupa di amianto, ma non può effettuare il controllo delle reti idriche"



PISA — "Arpat non ha competenze per il controllo delle reti acquedottistiche e delle acque potabili che scorrono in reti idriche di cemento-amianto". A farlo presente è l'Agenzia stessa che commenta così la sua precisazione: "In alcuni articoli pubblicati sulla stampa locale, in merito al dibattito in corso sulle tubazioni di alcuni acquedotti in cemento-amianto, si evidenzia che Arpat non rileva da 18 anni la concentrazione delle fibre di amianto."

A tale proposito l'Agenzia precisa che effettivamente nel 1995-1996 effettuò (proprio nella fase iniziale della sua nascita) uno studio in proposito (che peraltro rilevò una concentrazione molto contenuta di fibre di amianto) dal titolo "Valutazione della contaminazione di amianto nelle acque potabilizzate" appositamente commissionato e finanziato dalla Regione Toscana .

In quegli anni l'Agenzia effettuava l'attività di controllo analitico delle acque potabili a supporto delle Asl.

Arpat ha uno specifico settore che si occupa di amianto, ma oggi non ha competenze per il controllo delle reti acquedottistiche e delle acque potabili che vi scorrono. Tali competenze sono proprie dei gestori delle reti, sottoposte al controllo delle Aziende Sanitarie.

"Ci risulta -concludono da Arpat- che la Regione Toscana, in stretto contatto con l'Autorità idrica toscana e le aziende Usl sta effettuando uno specifico approfondimento".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il bimbo, di 8 anni, tolto alla madre su disposizione del Tribunale. Per la Casa della Donna è "assurdo e inaccettabile". Il caso anche in Parlamento
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca