Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:45 METEO:PISA20°34°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 20 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Pecco Bagnaia sposa Domizia, le nozze a Pesaro con tanti amici vip
Pecco Bagnaia sposa Domizia, le nozze a Pesaro con tanti amici vip

Politica lunedì 09 dicembre 2019 ore 15:30

Nidi ai "Più pisani", interrogazione parlamentare

Il deputato Pd Stefano Ceccanti

Ceccanti, Ciampi e Cenni:"Priorità per i nidi di infanzia a chi risiede da più anni? Criterio che viola la nostra Costituzione



ROMA — Il caso degli asilo nido ai “più pisani” ( vedi articoli correlati ) arriva anche in Parlamento con l’interrogazione presentata al MIUR da Stefano Ceccanti e sottoscritta dalle deputate Lucia Ciampi e Susanna Cenni: “Nel Documento Unico di programmazione 2020-22 per i nidi d’infanzia – spiegano i parlamentari del Partito Democratico – predisposto dalla Giunta leghista si prevede di introdurre ‘un criterio premiante per l’assegnazione del posto a chi è residente da più anni nel comune di Pisa’.

Un’aggiunta che senza alcuna precisazione viola l’articolo 3 della Costituzione come già testimoniato da casi analoghi con sentenze di condanna da parte della corte Costituzionale. Quello della residenza è peraltro un criterio che non trova alcun fondamento legislativo e nessun riscontro nella normativa vigente, anzi nel Regolamento della Regione Toscana, all’art. n. 10 si prevedono esplicitamente solo ‘criteri che tengono conto della composizione della famiglia e delle condizioni di lavoro dei genitori’.

Occorre evidenziare, tra l’altro, come le risorse destinate per aiutare le famiglie che hanno bambini iscritti ai nidi non siano proprie del Comune di Pisa, ma arrivino da finanziamenti europei o nazionali erogati chiaramente sulla base di tutta la popolazione residente.

Il criterio introdotto dalla giunta pisana a trazione leghista è quindi basato su una ingiustificabile discriminazione. E’ sulla base di certe strumentalizzazioni che il Carroccio cerca di fondare il proprio consenso. Quello che più ci preme e per cui abbiamo presentato un’interrogazione al Ministro Fioramonti è sapere quali iniziative si intendano assumere in relazione a questo caso specifico, in modo tale che possano rappresentare un deterrente per altre amministrazioni comunali”. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Show e shopping in centro a Tirrenia dalle 18 fino a tarda sera. Ospite d'onore l'attore e conduttore Sergio Friscia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca