Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:36 METEO:PISA10°20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 17 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tensione al corteo no Green pass di Milano, la protesta non si ferma e partono le cariche della polizia

Attualità giovedì 01 aprile 2021 ore 07:00

A Ghezzano una casa per i senza dimora

La Casa del Campanile a Ghezzano

La Casa del Campanile di Ghezzano diventa "Housing First" grazie alla sinergia fra parrocchia, Amici della Strada, Comune e Sds



SAN GIULIANO TERME — La parrocchia di Ghezzano e l’associazione “Amici della Strada” nuovi alleati dell’innovativo progetto "Housing First", che adesso può contare su sette appartamenti. Due camere, una sala con annessa cucina e un bagno nella Casa del Campanile, la canonica della chiesa di San Giovanni Battista a Ghezzano. Si allarga così la rete delle case a disposizione dell’innovativo progetto messo in campo ormai da due anni dalla Società della Salute della Zona Pisana, e gestito dalla Cooperativa sociale “Il Simbolo”, che vede proprio nell’inserimento abitativo delle persone senza dimora il punto di partenza dei percorsi d’integrazione sociale

"La parrocchia di Ghezzano da una parte e l’associazione “Amici della Strada” dall’altra sono i nuovi alleati di un progetto con cui nell’occasione ha collaborato anche il Comune di San Giuliano Terme - hanno sottolineato dalla Sds Zona Pisana -, e che, con la casa del campanile, vede salire a sette gli alloggi a disposizione e che in poco meno di due anni ha consentito ai sei persone senza dimora pisani di ritrovare, insieme a un tetto, anche una normalità perduta da troppi anni: nello specifico la casa del campanile può accogliere anche due persone, ma inizialmente ve ne abiterà una soltanto per ridurre i rischi collegati alla convivenza fra persone che si conoscono superficialmente".

“L’accoglienza e la carità sono parte del dna della nostra comunità da ben prima del mio arrivo al servizio di questa comunità – ha sottolineato il parroco di Ghezzano don Alessio Lenzarini -: da molti anni ormai ospitiamo l’associazione “Amici della Strada” che utilizza i nostri locali per preparare i pasti che distribuisce in strada. E’ un rapporto che negli anni è divenuta amicizia e stima reciproca: per cui quando ci hanno chiesto la disponibilità di un alloggio, proprio non abbiamo dubbi a mettere a disposizione la casa. La garanzia sulla bontà dell’iniziativa per noi sta nella loro passione, esperienza e anche competenza”. 

L’alloggio, infatti, è stato messo a disposizione dell’associazione ad un canone minimo, “che comunque – spiega la presidente di "Amici della Strada" Tiziana Passuello -: non pagheremo noi, se non in un primissimo periodo: la casa, infatti, diventerà un’altra delle abitazioni di “Housing First”, progetto che prevede che siano proprio i nuovi inquilini a farsi carico dell’affitto. Perché lo abbiamo fatto? Dopo molti anni di servizio in strada, volevamo fare un passettino ulteriore verso l’integrazione delle persone senza dimora e abbiamo toccato con mano, in questi, mesi che Housing First funziona: siamo davvero grati alla parrocchia di Ghezzano per la disponibilità dell’alloggio che è già a disposizione del progetto e più in generale del sistema d’interventi per l’alta marginalità di “Progetto Homeless” che include anche l’asilo notturno e l’unità di strada. I nostri volontari continueranno a essere accanto alle persone che vi andranno ad abitare e a sostegno e supporto degli operatori che hanno l’esperienza e la capacità di gestire un percorso sicuramente impegnativo ma che nella nostra città ha già dato risultati molto significativi”.

Alla parrocchia di Ghezzano e all’associazione “Amici della Strada” arriva anche la gratitudine della presidente della Società della Salute della Zona Pisana Gianna Gambaccini: “Li ringrazio di cuore per aver creduto in questo progetto come già aveva fatto un paio d’anni fa il parroco dell’Unità Pastorale di Barbaricina-Cep don Claudio Bullo che ci aveva messo a disposizione un’immobile della parrocchia di San Ranieri dove abbiamo ricavato cinque monolocali – dice -: grazie alla passione e alla competenza degli operatori delle cooperative “Il Simbolo” e “Arnera” siamo riusciti, finora, a ridare una normalità perduta a sei persone che vivevano danni per strada. E’ un risultato straordinario che conferma la bontà di una scelta su cui abbiamo intenzione di continuare ad investire e scommettere”.

Sergio Di Maio, sindaco di San Giuliano Terme: "Faccio i complimenti alla parrocchia di Ghezzano e all'associazione 'Amici della Strada' per questo importante progetto sostenuto dalla Società della Salute. Nel nostro comune mi piace ricordare anche la 'Casa di Alberto e Giuliana' a Colignola, messa a disposizione un anno e mezzo fa nell'àmbito del progetto 'Co – Living',e la “Casa Condivisa” di Asciano, dedicata a persone con disabilità e gestita da Anffas, Aipd e Unitalsi: sono entrambi promossi dalla Società della Salute Zona Pisana e rientrano nella programmazione della Regione Toscana sul 'Dopo di noi'. Il nostro territorio vanta esperienze all'avanguardia sul tema della politiche sociali basate sull'inclusività e questo di Ghezzano non fa certo eccezione".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il corteo organizzato dal comitato Porta Fiorentina e dall'associazione Sguardo di vicinato ha sfilato da via Cattaneo fino in zona stazione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Don Andrea Pio Cristiani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Sport

Attualità

Attualità