QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 11°11° 
Domani 11°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 23 novembre 2019

Lavoro martedì 14 gennaio 2014 ore 18:52

Taglio alle spese per il personale e affitti fanno risparmiare la Provincia

Approvato il bilancio di previsione. Pieroni: "Per mettere in sicurezza l'ente e rassicurare i dipendenti in ansia per il loro futuro professionale"



PISA — Le spese del personale diminuiranno del 13,3per cento, quelle per mutui del 18,5, quelle generali di funzionamento del 3,6 e quelle di servizio del 62,3.

La Provincia di Pisa ha fatto i tagli e li ha approvati insieme al bilancio di previsione 2014-2016. Dimostrando che risparmiare è possibile anche senza tagliare l'ente, come vorrebbe la modifica del quadro normativo delle province prevista dal disegno di legge in corso di approvazione in Parlamento.

Secondo il presidente della Provincia Andrea Pieroni, la modifica, "che non consentirà più ai cittadini di eleggere i propri amministratori, porterà un risparmio effettivo nel 2014 di 382.500 euro, meno di un euro a persona e di 590mila nel 2015, poco meno di un euro e mezzo per ogni residente. Sarebbe questo per la Provincia di Pisa l'immediato e a oggi unico reale impatto finanziario della riforma, che emerge dal Bilancio previsionale 2014-2016 dell'ente, approvato lunedì dal consiglio provinciale, che evidenzia un'altra amara certezza: per effetto degli ultimi tagli, (pari a 12.579.000 euro) superiori di all'importo dei trasferimenti, la Provincia di Pisa sarà costretta a versare allo Stato 2.249.000 euro, pari a 5,40 euro a cittadino".
"Un federalismo alla rovescia - lo definisce Pieroni - dove sono gli enti locali a finanziare lo Stato".
Secondo Pieroni, il taglio delle indennità, dei rimborsi agli amministratori e dei gettoni ai consiglieri provinciali che pesano sul bilancio dell'ente per l'1per cento, appare un magro risultato rispetto all'auspicata revisione della spesa pubblica dello Stato, delle Regioni e degli altri enti.
"Siamo la prima Provincia in Toscana ad approvare il bilancio di previsione - spiega il presidente - ciò serve a mettere in sicurezza l'ente e rassicurare i dipendenti che, giustamente, sono in ansia per il loro futuro professionale. Responsabilità, impegno e trasparenza sono i nostri valori guida".
La riduzione di risorse alla Provincia di Pisa non si è manifestata solo per i tagli statali, ma anche per la drastica riduzione dei trasferimenti regionali per le funzioni delegate (Centro Impiego, Difesa del Suolo, Agricoltura, Ambiente, Viabilità, Formazione e, dal 2011, APT) nel corso degli ultimi anni. Il totale dei "tagli" nel triennio 2011/2013 (dall'esercizio 2013, e quindi anche per il 2014) è quindi di complessivi 25.895.000 euro, più di un quarto del bilancio della Provincia.
Con lo spostamento degli uffici nella sede centrale e negli uffici del Centro Forum a Cisanello e il progressivo recesso dai contratti di locazione delle sedi di Via Nenni, ci sarà una riduzione dei canoni di locazione di complessivi 768.300 euro, pari all'85,9%.



Tag

Manovra, Salvini: «Totale instabilità, pesa più delle tasse»

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Cronaca

Attualità