Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA11°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 17 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Proseguono gli abbattimenti sulla A24, nel tratto Roma-L'Aquila: demolito anche il viadotto Le Pastena

Attualità venerdì 12 maggio 2017 ore 10:40

Tassa di soggiorno, Pisa incassa 5,3 milioni

Invariate le tariffe, tra le più basse d’Italia. I proventi utilizzati per promozione turistica, eventi, trasporto pubblico, manutenzioni



PISA — Nel 2014 sono stati raccolti 1,6 milioni di euro; nel 2015 1,742 milioni di euro più altri 115mila con il recupero dell’evasione; nel 2016 1,878 milioni di euro più 20mila per il recupero dell’evasione. Sono questi i numeri della tassa di soggiorno a Pisa, che resta, con 2 euro a notte per un 5 stelle, tra le più basse d'Italia.

I proventi della tassa di soggiorno sono stati spesi per promozione turistica, organizzazione delle manifestazioni storiche, spettacoli teatrali con particolare attrattività turistica, manutenzione delle aree verdi in zona turistica, servizi di trasporto pubblico per le linee che riguardano siti di interesse turistico (Lam Rossa, Lam Verde, Navetta C e Navetta E).

Il Comune di Pisa ha istituito un portale web che consente, da parte dei gestori, di redigere l’obbligatoria denuncia annuale dell’imposta in modo più semplice, alle autorità competenti di migliorare l'efficacia dei controlli anti evasione e, agli enti pubblici di avere dati turistici più affidabili ed aggiornati.

"Si tratta di una innovazione importante - dice il Vicesindaco Paolo Ghezzi con delega al turismo - che viene incontro alle esigenze di semplificazione più volte rappresentate dagli operatori del settore. Con la procedura unica, valida su tutta la Provincia di Pisa, si potrà nell'arco di pochi anni disporre di un quadro statistico più completo e semplice da ottenere mentre con l'obbligatorietà della denuncia annuale via web, valida solo per il comune di Pisa, si garantisce maggiore semplicità negli adempimenti e concreta prevenzione dell'elusione. Un altro passo significativo e una risposta importante da parte del Comune che ha da poco più di un anno acquisito le competenze in ambito turistico anche per la statistica senza che, lo desidero ricordare, sia stata trasferita anche adeguata consistenza di personale".

"Questo nuovo sistema consente una tracciabilità dei dati, per la Sepi significa poter mettere in atto controlli e verifiche in maniera puntuale. La registrazione va fatta entro il 1 luglio. Il 22 maggio sarà organizzato un corso specifico per gli operatori – spiega l’assessore al bilancio Andrea Serfogli – parallelamente continuano le verifiche e i controlli per il rispetto delle regole, recentemente la polizia municipale ha controllato 40 bed and breakfast, 23 le sanzioni"

Pisa, 90 mila abitanti, conta 472 strutture turistiche per un totale di quasi 16mila posti letto: 60 alberghi con 4977 posti letto, 11 residenze Turistiche Alberghiere con 1079 posti letto, 5 campeggi con 4375 posti letto, 208 alloggi gestiti in forma imprenditoriale (affittacamere professionali, case vacanze, residence, residenza d'epoca) per 2354 posti letto, 4 agriturismi per 103 posti letto, 4 ostelli con 239 posti letto, 24 case per ferie con 2067 posti letto. 156 affittacamere non professionale (senza partita Iva) con 769 posti letto.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il corteo organizzato dal comitato Porta Fiorentina e dall'associazione Sguardo di vicinato ha sfilato da via Cattaneo fino in zona stazione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nausica Manzi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Sport

Attualità