Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:10 METEO:PISA20°26°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 02 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Jacobs: «Sono solo nato in Texas, l'Italia è la mia Nazione». Tamberi: «Sono l'uomo più felice al mondo»

Spettacoli lunedì 25 agosto 2014 ore 15:10

Tirrenia, il Ciak sospende la programmazione

Cinema Arsenale si arrende alla brutta serie di eventi di questa estate che, da punto di vista climatico, non è mai partita



PISA — Una stagione proprio brutta per il cinema all'aperto. Dopo che il passaggio al digitale aveva ridotto le arene e danni all'area di Tirrena avevano un po' avvilito i ragazzi del Cinema Arsenale, ci si è messo il meteo a dare il colpo di grazia: da questa sera, l'arena Ciak di Tirrenia sospende la programmazione, annullando quindi tutti gli spettacoli previsti fino alla fine di agosto.

Una stagione da dimenticare, quella che va in archivio. Ma con ancora più voglia di organizzare al meglio la prossima, magari tornando anche a San Giuliano Terme. E a un'estate che non sembri autunno. 

"Una decisione difficile e sofferta - spiegano dall'associazione - ma necessaria per non aggravare ulteriormente un bilancio stagionale già in grande sofferenza. Tempi duri per il cinema in generale e per le arene estive in particolare, una stagione meteo inclemente ha scoraggiato una buona parte del pubblico a passare le serate estive all'aperto, in aggiunta, vera ciliegina su questa amara torta, episodi di puro teppismo hanno danneggiato le strutture allestite per decorare il Cinema Ciak". 

"Una perdita - prosegue -, crediamo, grave, per Tirrenia, una volta città del cinema, legata al Ciak da un rapporto che va avanti da oltre 20 anni. Ma, purtroppo, si tratta di una scelta inevitabile per degli imprenditori privati, come sono Alfea Cinematografica e il Cineclub Arsenale che da anni gestiscono il cinema, costretti a fare i conti con delle cifre nude e crude. Cifre che dicono che è sempre più difficile sostenere il costo dell'affitto annuale del luogo dove sorge il cinema, sommato ai costi di gestione e alle spese straordinarie legate alla conversione digitale di cui abbiamo detto sopra. Tutto questo ci ha portato alla decisione, per noi veramente sofferta, di dover anticipare di una settimana la chiusura del cinema per la prima volta dopo 23 anni. Una chiusura resa ancor più amara dall'incertezza sul futuro del Cinema Ciak, di cui, al momento, non siamo sicuri di poter garantire la riapertura il prossimo anno".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati sanitari aggiornati alle ultime 24 ore. Oltre il 75 per cento dei nuovi contagi si è verificato tra bambini, ragazzi e giovani sotto i 35 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS