QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 12°20° 
Domani 13°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 17 ottobre 2019

Cronaca venerdì 16 maggio 2014 ore 17:24

Ulivi, auto, social network tra i progetti Phd

Tanti i progetti presentati al pubblico di investitori e rappresentanti dei poli tecnologici toscani



PISA — Più di 80 dottorandi, 7 dottori di ricerca, 11 tra assegnisti e post doc, 14 laureandi e, novità del 2014, anche 9 docenti e ricercatori dell’Ateneo.
Eccola, in cifre, Phd Plus. Ma più dei numeri, per raccontare la manifestazione servono i progetti: stampanti 3D customizzabili, ulivi da adottare a distanza, un sistema radio per la pubblica sicurezza, una app per trovare un passaggio in macchina, un social network dedicato agli eventi.
Questi i progetti che gli allievi hanno presentato a un pubblico di investitori e rappresentanti dei poli tecnologici toscani durante l'ultimo incontro dell'edizione 2014. I ragazzi, introdotti da Paolo Ferragina, prorettore per la Ricerca applicata e l’innovazione dell’Ateneo, hanno tenuto i loro “elevator pitch” per illustrare le caratteristiche e le potenzialità dei loro progetti.

Ecco alcune delle idee più originali degli allievi dell’edizione 2014 del Phd Plus che ora aspirano a diventare impresa.

Open Source Hardware, di Giovanni Bonaccorsi, Michele Mambrini, Daniele Pasciuto, è una stampante 3D versatile, customizzabile a seconda delle esigenze del cliente. Il progetto della stampante 3D ha una struttura scalabile: è possibile partire con la versione base e aggiungere parti, upgrade e accessori in linea con la filosofia open source, in quanto vengono usate parti facilmente reperibili.

B-Safe, di Saverio Citraro, è un sistema di messaggistica via radio per comunicare con le popolazioni che vivono in zone soggette a rischi idrgeologici e frane. Attraverso un trasmettitore e ricevitori distribuiti nelle case, nelle piazze e nei palazzi di governo, B-Safe è in grado di raggiungere i luoghi colpiti da disastro ambientale in cui i sistemi di comunicazione sono interrotti, funzionando da una distanza di 10 kilometri. B-Safe è stato già installato in cinque piccoli comuni del Nord Italia e funziona molto bene.

Strappo – Sharing is Carrying, di Giovanni Bianchi, è una soluzione per i giovani che frequentano la Versilia, una zona molto viva, che, specialmente di notte, non è servita in maniera adeguata da trasporti pubblici economici. Tramite “Strappo”, una piattaforma mobile connessa a Facebook, i giovani potranno trovare passaggi in tempo reale pagando il guidatore con alcuni crediti. Il proprio credito per gli “strappi” può essere ricaricato pagando o offrendo “strappi” ad altri passeggeri. I crediti possono anche essere riconvertiti in soldi. Oltre ad essere un modo economico per spostarsi è anche un’occasione per fare nuovi amici.

City Enjoyers, di Giuseppe Magliano e Davide Spagnuolo, è un “event advisor” in grado di segnalare e avvisare le migliori iniziative sul territorio, aspirando a diventare il primo social network dedicato agli eventi. Registrandosi alla piattaforma, gli utenti entreranno nella community degli “enjoyers” e potranno recensire, consigliare e condividere gli eventi della propria città. Il servizio può funzionare anche da “agenzia di pubbliche relazioni” per piccole aziende che possono usare la piattaforma per lanciare le proprie iniziative.

Adotta un ulivo, di Enrico Ciullo, è un progetto che prevede la possibilità di far adottare agli utenti un ulivo e far seguire tutte le fasi che, dai vari trattamenti della pianta portano alla produzione dell’olio, con la consegna finale del prodotto in bottiglie con etichette personalizzate. La vita della pianta potrà essere seguita attraverso il sito web, una webcam e una app per smartphone che notificherà le varie fasi.

Le altre idee di impresa presentate sono “Besos – Bio Engineering Systems for Open Society” di Luigi Francesco Cerfeda); “Tour My City” di Giovanni Fabiani, Ana Francic, Hossein Moghaddam, Adil Padamsey, Ilir Sokoli; “Cerbero” di Federico Aiana; “CoPhI Framework” di Angelo Mario Del Grosso; “Immunomanipulation: a new approach to organ transplantation” di Gianluca Albanesi; “IVTech Srl” di Serena Giusti e Tommaso Sbrana; “Sportello Salute” di Gennaro Grande; “The “Protein-Interaction Study” Laboratory” di Simona Daniele e Elisa Zappelli; “Amerigo Boutique Hotel” di Ahmed Abu Zaho, Nurgul Genc, Nina Hoffmann e Sakis Stavrakas. Due delle quattordici idee di impresa presentate al PHD plus sono nate dagli allievi del master in Business Administration del dipartimento di Economia e Management, che hanno avuto la possibilità di seguire il percorso di formazione.

Alle edizioni precedenti hanno partecipato circa 300 persone con una formazione non solo di tipo tecnico-scientifico, ma anche umanistico, con risultati sorprendenti: dall’inizio sono state generate 12 startup che si sono affermate in varie competizioni nazionali e internazionali dedicate alla creazione di imprese innovative, quali la Start Cup Toscana, vinta nel 2011 e nel 2013.

Servizio Video


Tag

Migranti, naufragio a Lampedusa: i corpi ritrovati tra robot e lacrime

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Attualità