Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:00 METEO:PISA18°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 28 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Lavinia Mennuni, chi è l'outsider che ha sconfitto Bonino e Calenda a Roma centro: «Ho vinto girando casa per casa»

Politica venerdì 11 dicembre 2015 ore 16:00

“Un’offesa alla coscienza democratica del popolo"

“Rimuovere il monumento dedicato al fascista Rodolfo Graziani ad Affile (Roma)”, Nardini, Mazzeo e Pieroni (Pd) raccolgono appello ANPI di Pisa



FIRENZE — Rimuovere dal Parco di Radimonte (Affile) il monumento dedicato al fascista Rodolfo Graziani. Lo chiedono i consiglieri regionali del Pd eletti nel collegio di Pisa Alessandra Nardini, Antonio Mazzeo e Andrea Pieroni condividendo l’appello promosso dal Comitato provinciale ANPI dopo che l’Associazione Nazionale Partigiani Italiani aveva già sporto formale denuncia presso la Procura della Repubblica di Tivoli a seguito della costruzione di questo monumento-sacrario. A questo proposito gli esponenti del Pd di Palazzo Panciatichi hanno predisposto una mozione sottoscritta anche dai colleghi Marco Niccolai, Serena Spinelli e Valentina Vadi in cui si impegna la Giunta Regionale ad attivarsi facendo appello al Presidente della Repubblica affinché siano adottati i provvedimenti necessari per la rimozione del monumento che “costituisce – commentano Nardini, Pieroni e Mazzeo - offesa permanente alla coscienza democratica del popolo italiano”. Rodolfo Graziani, infatti, fu uno dei più feroci esponenti del fascismo, firmatario del manifesto della razza, responsabile in Libia ed in Etiopia dell’uccisione di decine di migliaia di uomini, donne e bambini con rappresaglie e con l’impiego di gas letali. L’atto impegna chiede anche a Governo e Parlamento di intraprendere iniziative normative per impedire che monumenti, sacrari o pubbliche vie e piazze vengano intestati a personalità condannate per gravi reati contro lo Stato ed implicate in crimini perpetrati durante il periodo fascista.

“La nostra Regione – spiegano Nardini, Mazzeo e Pieroni - ha sempre mostrato grande sensibilità in merito alla conservazione e alla valorizzazione del patrimonio storico, politico e culturale dell’antifascismo e della resistenza in quanto valori fondanti dell’ordinamento costituzionale, e che trovano piena espressione nella legge regionale 38/2002 specifica per questa materia.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Parla il segretario del PD Oreste Sabatino dopo il sorpasso di FdI in provincia ma con i dem leader in città dove "andiamo avanti con il confronto"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alessandro Canestrelli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità