Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:PISA13°20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 24 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Avellino, ultrà della Paganese armati di mazze aggrediscono automobilisti e bloccano il traffico in autostrada

Attualità giovedì 27 novembre 2014 ore 20:32

"No alla privatizzazione dei servizi ambientali"

Usb: "Una politica dei rifiuti orientata alla differenziata, riciclo e riuso può creare occupazione molto più del processo di incenerimento"



PISA — "Tutela dei lavoratori, dell'ambiente e garanzie per i cittadini". Questa è la richiesta dell'Unione sindacale di base in merito alla gestione dei rifiuti: "Il servizio deve essere gestito dal pubblico, non da un privato"

"Nei giorni scorsi -rincara il sindacato- abbiamo letto sui giornali che il sindaco di Livorno, Nogarin, è contrario ad affidare il ciclo rifiuti ad un gestore privato e favorevole alla creazione di un gestore pubblico di cui entrino a far parte tutti i 92 Comuni dell’Ato Costa. Motivo? Lo stesso che sta alla base della battaglia per l’acqua pubblica: il gestore privato anche in tema rifiuti, per la giunta livornese, equivale ad aumento delle tariffe e delle infrastrutture". 

 Ripercorrendo le tappe della vicenda, Usb commenta: "La riorganizzazione dei servizi ambientali in Toscana è stata avviata dalla regione con la legge 61/2007 orientandosi alla creazione di super gestori con un processo di privatizzazione di fatto delle aziende pubbliche ritenute di dimensione insufficiente per essere gestori delle Ato. Tale processo è andato avanti nonostante l'esito del referendum di giugno 2011 che si è espresso fortemente contro la privatizzazione dei servizi pubblici locali".

"La giunta di Enrico Rossi -proseguono dal sindacato- facendosi schermo della direttiva europea e delle norme privatizzatrici sui servizi pubblici locali ha confermato e proseguito il processo di riorganizzazione e privatizzazione dei servizi ambientali". 

Ato Toscana Costa comprende le provincie di Livorno, Lucca, Pisa, Massa e Carrara, ovvero 4 provincie e 105 Comuni Il gestore unico tratterà spazzamento, raccolta, trasporto, selezione-trattamento- recupero e commercializzazione, smaltimento dei rifiuti.Questo processo riguarda la popolazione delle 4 provincie e i 300 lavoratori delle aziende coinvolte. "Diciamo al Sindaco Nogarin -concludono dall'Usb- e ai sindaci interessati che devono occuparsi del bene pubblico, garantire i cittadini, i lavoratori e l'ambiente. Una gestione privatistica è orientata esclusivamente a garantire gli investimenti e i profitti privati. Ribadiamo quindi la nostra posizione nel chiedere il rispetto del referendum giugno 2011, che i servizi ambientali locali siano gestiti dal pubblico. Una politica dei rifiuti orientata alla differenziata, riciclo e riuso può creare occupazione molto più del processo di incenerimento. Chiediamo garanzia di mantenimento del posto di lavoro ma anche della mansione e del livello contrattuale. L’applicazione del contratto Federambiente deve essere applicato a tutti i lavoratori del settore e le norme di sicurezza e la tutela dei lavoratori e dei cittadini devono diventare una priorità".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un'altra vittima del Covid sul territorio provinciale pisano e altri 36 nuovi casi. In Toscana ci sono 5 decessi e 285 nuovi casi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca