Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 16 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, la movida di piazza Euclide: centinaia di ragazzini senza mascherina

Attualità mercoledì 30 dicembre 2015 ore 12:40

Autisti aggrediti se controllano i biglietti

E' la denuncia della Fit Cisl di Pisa che rimarca le condizioni di lavoro precarie per i conduttori dei bus: "Ecco cosa vogliamo"



PISA — Il sindacato Fit Cisl denuncia due aggressioni anche nel giorno di Santo Stefano, il 26 dicembre: "Da qualche anno ormai - spiegano i rappresentanti sindacali - si parla delle aggressioni che regolarmente gli autisti ed il personale di verifica titoli di viaggio subiscono, con tutti gli interlocutori preposti alla soluzione del problema: azienda Ctt nord, prefettura e forze dell’ordine".

Il sindacato punta il dito contro la Ctt. L'azienda è accusata di chiedere una mansione che espone gli autisti a vari rischi come incidenti e aggressioni: "Se per quanto riguarda prefettura e forze dell’ordine non si può eccepire alcunché, visto anche il contesto normativo attuale fortemente penalizzante nei loro confronti, non altrettanto si può dire di Ctt nord. A fronte di promesse non mantenute, come l’installazione di telecamere a bordo, l’azienda continua ad obbligare gli autisti a svolgere mansioni di vendita e controllo titoli di viaggio in condizioni di estremo disagio, il tutto naturalmente mentre si sta guidando. Il novanta per cento delle aggressioni contro gli autisti nasce da diatribe legate al controllo dei titoli di viaggio. Bisogna inoltre dire che le aggressioni di cui si parla sono solo quelle più gravi ma ogni giorno gli autisti sono oggetto di dileggio, insulti e vessazioni.

Per rimarcare l'immobilità dell'azienda viene citato De André: "In questa situazione Ctt cosa fa? Si scappella, si indigna, si impegna poi getta la spugna con gran dignità! …Cioè, da una parte promette il minimo (le telecamere sarebbero il minimo e di sicuro non risolverebbero il problema) senza mantenerlo, dall’altra continua ad esporti ai pericoli senza la minima tutela, anzi, ciliegina sulla torta se incappi in un incidente grave al punto tale da costringerti ad assentarti dal lavoro incorri nella decurtazione della retribuzione aggiuntiva".

Queste le richieste che il sindacato fa a Ctt:

1) Annullamento dell’obbligo di controllo del titolo di viaggio da parte dell’autista

2) Presenza di polizia privata a bordo dei bus, per lo meno sulle linee e negli orari più a rischio

3) Garantire gratuitamente al personale aggredito, a qualsiasi titolo adeguata tutela legale

4) Installazione delle girelle, almeno sulle linee più a rischio

5) La sterilizzazione totale, ai fini del calcolo della retribuzione aggiuntiva, di tutti gli infortuni derivanti da attività di verifica titoli di viaggio o comunque derivanti da aggressioni


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati aggiornati contenuti nel report regionale portano ad oltre 66mila le positività accertate in provincia da inizio epidemia. Altre 4 vittime
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Cronaca