Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:39 METEO:PISA12°16°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 12 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Stupro o sesso consenziente? Alcol, chat, testimonianza. Cosa dicono i giudici che i nostri figli devono sapere

Attualità giovedì 04 marzo 2021 ore 08:40

Condotta del "Mille", terminato il maxi-intervento

Il cantiere di Acque Spa per spostare la tubatura nei pressi di Avane è durato otto mesi e si è concluso ieri. "Una operazione complessa"



VECCHIANO — Un maxi-progetto di Acque Spa e del suo “braccio operativo” Acque Servizi, iniziato nel Luglio scorso e conclusosi ufficialmente ieri, quando sono entrati in funzione i nuovi 450 metri della condotta del “Mille”, infrastruttura idrica che per raggiungere Pisa passa anche dal Comune di Vecchiano, costeggiando il Serchio nei pressi di Avane. Ed è qui che si è reso indispensabile spostare la tubazione, in vista dei futuri lavori finanziati dalla Regione Toscana per il rafforzamento degli argini del fiume Serchio

"Un intervento complesso - hanno sottolineato da Acque -, che nelle fasi più delicate non ha concesso margini di errore. Un lavoro durato otto mesi, ma “percepito” solo una notte dagli utenti, quando è stato necessario disattivare temporaneamente la condotta che rifornisce di acqua potabile la quasi totalità del Comune di Pisa. In realtà non si è trattato di un vero “spostamento”, quanto della realizzazione di quasi mezzo chilometro di nuova condotta, in parallelo rispetto a quella in funzione, e del suo collegamento all’infrastruttura esistente. Con l’attivazione del nuovo tratto di tubazione e la contemporanea dismissione di quello più vicino al Serchio, attività avvenute ieri mattina, il Mille scorre adesso più lontano dal fiume, e non sarà di ostacolo ai lavori di rafforzamento degli argini".

Il progetto, messo a punto da Ingegnerie Toscane, si è sviluppato in tre fasi. La prima, durata mesi, ha visto la posa in opera della nuova tubazione. La seconda, più breve ma più delicata, si è concentrata nella notte tra il 24 e il 25 Agosto scorso, con l’intervento di “unione” delle due infrastrutture, unico momento in cui è stata chiusa la fornitura dal Mille. La condotta è stata “tagliata” in due punti, dove sono stati inseriti due pezzi speciali di carpenteria metallica con una “doppia diramazione” per mettere in contatto la tubazione esistente con la nuova. Il lavoro è durato circa 24 ore consecutive, con due cantieri in contemporanea, l’utilizzo di elementi in ghisa dal peso complessivo di 100 quintali per lato e il ricorso a tecnologie specializzate e a mezzi pesanti per il sollevamento e lo spostamento dei materiali. Grazie a un’attenta programmazione e alla professionalità delle squadre che si sono alternate nei cantieri, l’intervento si è svolto come da programma, con disagi minimi per gli utenti.

Da allora le attività si sono concentrate nella realizzazione di due “curve”, da posizionare alle estremità della nuova condotta, per consentire la deviazione rispetto al tragitto originale. Anche in questo caso è stato un lavoro di alta specializzazione, realizzato dalle maestranze del Gruppo Acque, con una precisione “al millimetro” per far combaciare alla perfezione tutti i punti di contatto. I lavori si sono alternati dalle officine di Acque Servizi ai cantieri sul posto, dove infine hanno fatto ritorno le curve per la loro installazione definitiva. Dopo le verifiche e i collaudi l’intervento si è concluso con l’attivazione del nuovo tratto del Mille, ancora una volta senza alcuna ripercussione sulla continuità del servizio idrico per gli abitanti di Pisa.

"Ringraziamo Acque Spa per l'importantissimo lavoro svolto per il nostro territorio, senza alcun tipo di complicazioni, nonostante il delicato spostamento della conduttura dell'Acquedotto dei Mille - ha commentato il sindaco di Vecchiano, Massimiliano Angori - Questo intervento è fondamentale perché propedeutico alla partenza degli interventi di rafforzamento arginale a cura della Regione Toscana, che partiranno in località Cortaccia, e quindi riveste una duplice fondamentale valenza per la nostra collettività. Ancora una volta la sinergia tra soggetti pubblici e privati si traduce in buoni risultati a disposizione della cittadinanza”.

“Da oggi – ha sottolineato il presidente di Acque Spa, Giuseppe Sardu - l’acqua che proviene da Lucca e da Filettole per rifornire la città di Pisa, passa da un’altra strada. Per renderlo possibile, senza causare disagi alla popolazione, sono serviti giorni di lavoro e di preparazione da parte dei nostri ingegneri, tecnici e operai. Grazie alla loro esperienza e alla loro capacità abbiamo portato a compimento un intervento per certi versi storico, che contribuirà alla messa in sicurezza del Serchio".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Migliaia di pisani hanno imparato a guidare grazie all'autoscuola Galileo. Franco Paolini, detto Paolo, fu anche un animatore di "Radio Scalino"
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Monica Nocciolini

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Renzo Maltomini

Domenica 09 Maggio 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità