Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:01 METEO:PISA11°18°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Keanu Reeves aiuta a caricare l'attrezzatura dopo una dura giornata di riprese di «John Wick 4»

Attualità mercoledì 26 novembre 2014 ore 15:30

Via le vecchie oliere dai ristoranti

La nuova legge prevede l'obbligo del tappo antirabbocco e di un sistema di chiusura che impedisca l'alterazione del prodotto



PISA — Una vera e propria rivoluzione per bar, mense, ristoranti e pizzerie. Da martedì scorso è entrata in vigore la legge 30 ottobre 2013 numero 161 (che recepisce la legge europea) che prevede l'obbligo del tappo antirabbocco per i contenitori di olio extra vergine di oliva serviti in tutti nei pubblici esercizi. Obbligo che fa scattare il divieto di utilizzare le tradizionali oliere e che prevede multe fino a 8mila euro per evitare che vengano riempite o allungate con prodotti di cui non è possibile risalire alla loro provenienza. 

Nelle attività di ristorazione (escludendo gli usi in cucina e nella preparazione dei pasti) l'olio d'oliva vergine deve essere proposto ai consumatori in confezioni provviste di un'etichettatura conforme alla normativa e, soprattutto, di un idoneo dispositivo di chiusura in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata. 

Previsto anche un sistema di protezione che non ne permetta il riutilizzo dopo aver terminato il contenuto originale indicato sull'etichetta. 

“In sostanza – spiega il direttore di Confesercenti Toscana Nord Marco Sbrana – tutti gli esercenti saranno tenuti ad utilizzare contenitori monouso o apposite oliere antirabbocco etichettate, pena una sanzione amministrativa che va da mille a ottomila euro. Un provvedimento che se va nella direzione della tutela del consumatore, ovviamente da noi condivisa, ma che parte dal presupposto sbagliato che il ristoratore non abbia la professionalità necessaria per garantire lui in prima persona la qualità dell'olio che prima serviva in tavola. Ristoratore che deve essere considerato alla stregua del consumatore quando acquista l'olio”. 

Sbrana contesta anche i tempi relativamente brevi dell'entrata in vigore del provvedimento: “La norma è stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale il 10 novembre, con soli quindici giorni di anticipo rispetto all'entrata in vigore. Tutto questo in un clima ancora di incertezza tra i commercianti per l'individuazione dei dispositivi da utilizzare che, pare, non siano ancora in vendita. Siamo ancora una volta – conclude il direttore di Confesercenti Toscana Nord – di fronte ad una legge giusta nelle sue intenzioni, ma di difficile attuazione. E soprattutto che complica ancora di più la vita dell'operatore la cui professionalità come al solito viene fatta passare in secondo piano”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Previsto un momento pubblico di raccoglimento e ricordo, per salutare la dottoressa e assessora comunale scomparsa a 49 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità