Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 02 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il portuale di Trieste no vax che protestava contro il Green pass, ora è intubato: «Ho i polmoni distrutti, sono pentito»

Lavoro mercoledì 03 settembre 2014 ore 18:05

Artigianato, più investimenti ma meno imprese

​Segnali ancora negativi nel territorio pisano. Calano fatturati e occupazione, ma il settore della metalmeccanica è stabile



PISA — Secondo un'indagine condotta dall’Ufficio studi e statistica della Camera di commercio di Pisa, complice la crisi economica, in 12 mesi 289 imprese hanno chiuso i battenti. Di queste 256 operavano nell’edilizia.

Il fatturato delle imprese del settore manifatturiero pisano resta al di sotto della media toscana, seppur con un leggero miglioramento (di due punti percentuali) rispetto al 2012, quando registrò un calo del 10,5%. Sempre secondo gli studi della Camera di commercio, il settore dei servizi e quello dell’edilizia avrebbero perso nel 2013 rispettivamente il 10,7% e il 9,3% del fatturato.

L’andamento migliore l’avrebbe la metalmeccanica, che registrerebbe un aumento dello 0,1%.

Per quanto riguarda l’occupazione, il 2013 registra un calo di addetti del 4,8% nell’edilizia, dell’1,9% nel manifatturiero e dello 0,9% nei servizi.

Nonostante questi dati negativi, le imprese pisane del settore manifatturiero e dei servizi avrebbero investito l’11% in più rispetto agli anni passati, percentuale che tuttavia cala nell’edilizia, dove dal 7% del 2012 si passa al 6%.

A commentare i risultati dell’indagine è il presidente della Camera di commercio di Pisa Pierfrancesco Pacini: “La crisi per le imprese artigiane rimane ancora molto intensa. La Camera di commercio, anche per il 2014, ha destinato risorse per rafforzare il legame tra produzione e territorio incentivando, in presenza di un mercato locale paralizzato, l’accesso ai mercati internazionali. Lo stesso impegno è stato messo nell’agevolare l’accesso al credito e per incentivare gli investimenti aziendali. Ma per un rilancio significativo del comparto – concude Pacini - servono provvedimenti nazionali e di sostegno alle famiglie che facciano ripartire la domanda interna, il mercato che genera la quota maggiore di fatturato per le imprese artigiane”.

Linda Giuliani
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il tracciamento dei contagi aggiornato alle ultime ventiquattro ore e il punto sui ricoveri nelle aree Covid degli ospedali pisani
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Attualità