Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PISA13°22°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 24 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Napoli, strattonata e rapinata poi viene trascinata dal ladro con l'auto

Attualità venerdì 09 aprile 2021 ore 08:33

Bollette Tari rinviate e dilazionate

Il Municipio di Calci

Unanimità in consiglio per rimandare a fine anno il pagamento della tassa sui rifiuti. Il Comune si accolla la Tari per i costi dei servizi Covid-19



CALCI — Anche quest’anno, così come accaduto nel 2020, il Comune ha varato il posticipo dei termini per il pagamento della Tari, per fronteggiare e calmierare i disastrosi effetti dell’emergenza sanitaria da Covid-19. Le bollette 2021 relative alla tassa sui rifiuti arriveranno alle famiglie e imprese calcesane a Luglio, dilazionando il pagamento dell’anticipo in tre rate con scadenze al 30 Settembre, 31 Ottobre e 30 Novembre, mentre il saldo avrà scadenza a Dicembre.

"In questo modo - hanno specificato dal Comune di Calci - i cittadini che hanno possibilità economiche potranno pagare liberamente la Tari fin dal giorno della ricezione della bolletta ed entro le relative scadenze, mentre coloro che si trovano ad affrontare una situazione di difficoltà non dovranno adempiere al pagamento ad Aprile e Maggio 2021 (come sarebbe stato previsto dal regolamento) bensì avranno alcuni mesi per farlo".

La scorsa settimana il consiglio comunale ha adottato all’unanimità un’apposita delibera proposta dalla giunta comunale, che prevede anche che il Comune si accolli i costi dei servizi dedicati ai pazienti risultati positivi al Covid-19 ed in isolamento domiciliare nonché i relativi costi di smaltimento rifiuti. Questo grazie alla scelta fatta nel 2020 dal Comune di creare un fondo con risorse comunali da dedicare alla riduzione dei costi Tari, che ha già permesso di azzerare i costi dei periodi di chiusura per la quasi totalità delle attività economiche calcesane.

“Avevamo detto che, nei limiti delle nostre possibilità, avremmo fatto tutto il possibile per non lasciare indietro nessuno – ha commentato il sindaco Massimiliano Ghimenti -. Il differimento della Tari, l’accollarsi i costi per lo smaltimento rifiuti Covid e tutte le altre azioni sono state possibili solo grazie ad un’attentissima e oculata gestione del bilancio comunale che abbiamo ritenuto doveroso fare in primis per sostenere le situazioni di maggior fragilità e, a maggior ragione, per non lasciarle sole in una situazione di difficoltà e smarrimento che perdura da oltre un anno”.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un'altra vittima del Covid sul territorio provinciale pisano e altri 36 nuovi casi. In Toscana ci sono 5 decessi e 285 nuovi casi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca