Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:33 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 21 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, i 7 anni di Mattarella al Colle

Attualità sabato 30 gennaio 2021 ore 09:30

Emergenza Covid, aiuti per 118 famiglie e non solo

Il Municipio di Calci

In distribuzione circa 150mila euro in sostegni economici. Oltre alle famiglie più bisognose, aiuti anche per 28 imprese e 7 associazioni sportive



CALCI — Sono 118 nuclei familiari, per un totale di 281 cittadini calcesani, 28 attività, fra imprese e professionisti, e 7 gestori di impianti sportivi e sedi di associazioni, i beneficiari dell’ultimo piano straordinario di aiuti economici varato dal Comune a fronte dell'emergenza Covid-19, per un totale di quasi 150mila euro. Questo piano di sostegni, hanno ricordato dal municipio, è stato varato per fronteggiare la seconda ondata della fase pandemica e condiviso con le forze consiliari di maggioranza e minoranza, sindacati e associazioni di categoria.

Nello specifico, per quanto riguarda le famiglie, sono stati liquidati 30mila euro di buoni spesa ai nuclei familiari che avevano presentato domanda e 3.900 euro destinati alla San Vincenzo de Paoli per i pacchi alimentari che settimanalmente vengono consegnati alle famiglie più fragili. Quanto ai contributi economici straordinari previsti dall’ultimo avviso saranno invece liquidati 55mila euro – che saranno a loro volta suddivisi in base al numero dei componenti del nucleo tra le 118 famiglie che hanno presentato la domanda - per permettere ai calcesani in difficoltà di affrontare le altre spese vive (oltre agli acquisti alimentari) quali affitti o mutuo, bollette, eventuale spese per didattica a distanza ecc.

Allo stesso modo i 40mila euro stanziati per le imprese saranno suddivisi tra le 28 aziende, imprese o professionisti calcesani, che hanno fatto domanda e che sono state tutte accolte. Sono invece 7 le realtà (accolte tutte le domande presentate) che beneficeranno dei 15mila euro destinati alle associazioni che sul territorio comunale hanno in gestione una struttura sportiva pubblica o privata o che, già da prima della pandemia, pagavano un canone di locazione per la propria sede all’interno del territorio calcesano.

Nei prossimi giorni toccherà alla ragioneria del Comune effettuare i mandati di pagamento che, visto l'elevato numero, saranno liquidati nel corso del mese di Febbraio.

“Uno sforzo importante per le casse del nostro Comune - ha commentato il sindaco, Massimiliano Ghimenti - se si pensa che complessivamente, dall’inizio della pandemia ad oggi, sono state messe in atto misure che superano i 350mila euro. Un impegno che va ad aggiungersi all’acquisto di 100mila mascherine da parte della nostra Protezione Civile e di 124 saturimetri da distribuire su indicazione dei medici di famiglia ai calcesani in isolamento domiciliare in quanto risultati positivi al Covid-19. A tutto ciò inoltre va a sommarsi, grazie alla preziosa collaborazione delle associazioni di volontariato, la consegna di spesa e farmaci a domicilio per le persone in difficoltà. Grazie a tutte queste azioni e alle molte risorse messe in gioco a valere su fondi nazionali e comunali, abbiamo fatto quanto nelle nostre possibilità perché nessuno della nostra comunità rimanesse indietro"

"Per quanto riguarda i dati di questo ultimo bando - ha concluso il primo cittadino -, siamo particolarmente orgogliosi di aver pensato e voluto introdurre un "contributo economico straordinario", aggiuntivo e diverso dai buoni spesa e destinato alle persone colpite maggiormente dalla crisi economica per permetter loro di affrontare le tante spese vive cui fare fronte quali bollette e affitti sia spese accessorie provocate dal Covid-19 quali strumenti informatici per la didattica a distanza”.

Per quanto riguarda le famiglie sono stati destinati 240 euro a coloro che si trovano in difficoltà e che vivono soli, un aiuto medio per famiglia di quasi 500 euro commisurato al numero dei componenti il nucleo familiare (i nuclei con 4 o più componenti hanno ricevuto circa 800 euro, quelli con 6 o 7 componenti 960 euro). Facendo un piccolo bilancio, da inizio pandemia ad oggi, complessivamente, ogni cittadino calcesano in difficoltà e che ha fatto domanda per partecipare ad entrambe le misure di aiuto economico ha ricevuto un sostegno di circa 300 euro in buoni spesa e circa 240 euro di contributo economico straordinario (fatto salvi altri aiuti varati dal Comune quali bonus idrico, contributo affitti ecc).

Per quanto riguarda invece le imprese, quelle che hanno presentato domanda, riceveranno 1.428,57 euro ciascuna, risorse che vanno ad aggiungersi all'azzeramento completo del saldo TARI applicato a tutte le realtà - che hanno subito chiusure forzate o riduzioni di lavoro - e al bonus idrico (per coloro che hanno fatto domanda nei mesi scorsi).

Infine, alle associazioni che hanno impianti in gestione o una sede in affitto sul territorio della Valgraziosa, andranno 2.142,85 euro per ciascuna struttura.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' scomparso a 75 anni Massimo Bendinelli. Per anni ha gestito il negozio di forniture elettriche in piazza Guerrazzi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità