Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:45 METEO:PISA13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 16 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, retromarcia di Melandri: «La mia solo una battuta»

Attualità sabato 09 gennaio 2021 ore 12:59

"Alloggi Erp senza le clausole discriminatorie"

Il nuovo bando per l'assegnazione delle case popolari avrà un regolamento rivisto rispetto a quello della giunta leghista. Si preannunciano ritardi



CASCINA — L’amministrazione comunale sta lavorando al nuovo bando di concorso pubblico per l'assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica e in corso d’anno verrà pubblicato l’avviso. Lo hanno reso noto dal Comune sottolineando che la giunta Betti, "fin dal momento dell’insediamento, si è mossa nell'ottica di definire il nuovo bando affinché sia rispondente e coerente con gli obiettivi del nuovo mandato". La revisione del regolamento, tuttavia, potrebbe comportare un ritardo nella pubblicazione del bando.

“L’elaborazione del nuovo bando terrà conto della necessità di eliminare le disposizioni discriminatorie verso gli stranieri previste dal precedente bando – ha specificato l’assessora al sociale Giulia Guainai -. In particolare delle norme che richiedevano l’esibizione della certificazione di non possidenza di immobili ad uso abitativo ubicati all'estero. Questo requisito, così come disciplinato dalla Legge Regionale, non può né deve esser escludente in fase di presentazione della domanda, spetterà invece al Comune effettuare le idonee e necessarie verifiche in fase di assegnazione”.

"In sede di stesura del testo - hanno aggiunto dal Comun di Cascina -, in relazione alle disposizioni regionali riguardanti il requisito di residenza anagrafica o lavorativa per almeno cinque anni non continuativi, è emersa la necessità di approntare ulteriori approfondimenti. La materia è infatti attualmente oggetto di controversia, come emerso anche dalla recente giurisprudenza della Corte Costituzionale, poiché il radicamento territoriale non può comportare l’esclusione dalla possibilità di presentare domanda da parte di chi si trova in una situazione di emergenza abitativa e di effettivo bisogno. Si tratta evidentemente di un aspetto di rilievo sul quale la nuova giunta regionale ha mostrato un'apertura relativamente alla possibilità di valutare un adeguamento della legge alla giurisprudenza più recente sui requisiti di accesso ai bandi Erp".

“L'Amministrazione cascinese si riserva di far slittare la pubblicazione del nuovo bando – ha così segnalato l’assessora -. Il rinvio diventa utile a far maggior chiarezza proprio nell'interesse di tutti i cittadini e con l’obiettivo di garantire effettivamente i loro diritti. Intendiamo evitare di pubblicare un bando che contraddice in parte la funzione sociale dell'Erp, violando il principio di uguaglianza sostanziale, e che potrebbe risultare viziato in partenza, con il rischio che venga impugnato dalle Associazioni di categoria come avvenuto in altri comuni, essendo il termine di 4 anni ordinatorio ma non perentorio”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati aggiornati contenuti nel report regionale portano ad oltre 66mila le positività accertate in provincia da inizio epidemia. Altre 4 vittime
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Cronaca

Attualità