Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:53 METEO:PISA16°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 17 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Accesa a Olimpia la torcia olimpica: inizia il viaggio verso l’inaugurazione di Parigi 2024

Lavoro venerdì 04 febbraio 2022 ore 17:30

"Chiediamo il green pass e non entrano in negozio"

Ylenia Faucci, titolare di Grafikart

La testimonianza di Ylenia Faucci, titolare di una cartoleria, portata ad esempio da Confcommercio per dire che i commercianti sono "esasperati"



CASCINA — "Non bastavano tutti i problemi causati dalla pandemia, da quando siamo costretti a controllare il Green pass il nostro lavoro è diventato ancora più difficile”, questa la testimonianza di Ylenia Faucci, titolare di una cartoleria del centro di Cascina. “Dal 1 Febbraio dobbiamo verificare il possesso del Green pass base a tutti coloro che entrano in negozio - ha raccontato la commerciante -, ma questa regola è un boomerang per noi imprenditori. Alcuni clienti sono infastiditi, se la prendono ingiustamente con noi che applichiamo soltanto una regola imposta dal Governo. Non entriamo nel merito se sia giusto o sbagliato, quel che è certo è la reazione esagerata e a volte pretestuosamente polemica”.

“Alcuni clienti ci hanno chiesto 'Avete aderito anche voi?', altri ci dicono 'Non ve lo mostro, i controlli sono a campione', altri escono e dicono che compreranno le stesse cose su internet. Tutto questo è mortificante, siamo trattati come controllori, quando invece l'ultima cosa che vorremmo fare è creare un disagio ai nostri clienti. Non capiscono che non si tratta di aderire o meno. È una regola e come tale dobbiamo rispettarla per la sicurezza di tutti”.

Oltre al disagio, Faucci assicura di aver assistito ad un un immediato calo delle presenze in negozio: “In pochi giorni abbiamo notato subito un'affluenza minore, e non è possibile che da due anni ad oggi tutte le responsabilità siano a carico dei commercianti, stretti tra il fastidio dei clienti, la paura delle sanzioni e i cali di fatturato”.

“Ci siamo turati il naso accettando anche l'introduzione del Green pass pur di non ritrovarci in un nuovo lockdown e continuare a lavorare, ma ancora una volta sono imprese e attività commerciali a pagare per l'aumento dei contagi - ha commentato il presidente di Confcommercio Cascina, Marcello Mosca -. Con grande senso di responsabilità e sacrificio noi imprenditori ci siamo adeguati a ogni regola, ma non possiamo in alcun modo sostituirci agli organi di controllo e adesso rischiamo di assistere a un ulteriore spopolamento, in alcuni casi già in atto, dei nostri negozi e dei nostri locali, ancora a vantaggio della grande distribuzione e delle vendite on-line”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Geometra, imprenditore e tra i fondatori di Confapi, aveva 88 anni. Il cordoglio dell'associazione: "Un esempio da seguire"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Spettacoli

Cultura