Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:43 METEO:PISA14°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 28 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, a Milano folla sui Navigli nell'ultimo weekend in fascia gialla

Politica lunedì 06 giugno 2016 ore 08:50

Un giovane leghista il campione delle preferenze

In attesa di conoscere la composizione del prossimo consiglio comunale, che ovviamente dipende da come andrà il ballottaggio, ecco i più votati



CASCINA — Tra le dodici liste in campo, che sostenevano cinque candidati a sindaco, le performances migliori le hanno avute tre partiti: il Pd col 30 per cento, la Lega nord col 21 e il M5s col 18.

Proprio in queste tre formazioni troviamo i candidati consiglieri più votati: in assoluto quello con più preferenze è Edoardo Ziello, leader locale della Lega nord, che ha ottenuto ben 422 voti personali. A ruota il dem Mirko Guainai ( 281 ) e proprio nel Pd ci sono diversi candidati consiglieri che veleggiano o superano i duecento voti: Lorenzo Ragaglia, Alessio Rocchi, Alessia Marrucci, Francesco Bertelli, Franco Vanni.

Nel M5s nessun candidato consigliere supera le cento preferenze personali, ma molti vi si attestano subito dietro: David Barontini, Maria Badalassi, Luca Cantone.

Degne di nota altre performances personali in varie liste: Fabio Poli di Progetto Cascina 226 voti, Cittadini per Cascina monopolizzata dai voti di Francesca e Raffaele D'Anteo ( rispettivamente 220 e 190 preferenze ), bene Alice Vannozzi e Giorgio Catelani in Sinistra per Cascina che superano entrambi i cento voti personali.

Ma è sempre nella Lega nord che si trovano numeri importanti: oltre a Ziello da notare anche Donatella Legnaioli ( 217 ), Daniele Funel ( 179 ) e Antonio Affinito ( 152 ).


Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cultura

CORONAVIRUS