Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 00:25 METEO:PISA16°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 26 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il discorso di Giorgia Meloni nella notte, tra emozione e pianti di gioia

Politica giovedì 13 maggio 2021 ore 15:00

Caso Helbiz, le responsabilità ricadono su Pisamo

L'assessore alla mobilità Dringoli ha dichiarato che spettava alla municipalizzata verificare i documenti prima di autorizzare i monopattini in città



PISA — Nuova puntata in commissione consiliare sul caso della società di monopattini a noleggio Helbiz. A seguito delle numerose richieste di chiarimenti da parte di Francesco Auletta (Diritti in Comune), gli uffici comunali hanno accertato che la società ha operato in città per mesi pur non avendo presentato la Scia, documento che invece era da ritenersi indispensabile stando al bando pubblicato da Pisamo. Nella seduta consiliare di martedì l'assessore alla mobilità Massimo Dringoli, rispondendo a un nuovo question time di Auletta, ha dichiarato che la responsabilità di tutte le verifiche era di Pisamo, in quanto promotrice del bando. Dringoli ha inoltre fatto sapere che, tra i documenti che Helbiz doveva presentare, manca ancora la certificazione antimafia.

"Nell'ultima seduta consiliare - ha premesso Dringoli -, il consiglio comunale ha approvato una mozione urgente con cui si dà mandato, tra l'altro, alla seconda commissione di controllo e garanzia di procedere a una serie di audizioni e verifica degli atti entro il 31 Luglio. Ci sarà comunque tutto il tempo per approfondire la questione, sia da parte di Pisamo che dei dirigenti del Comune interessati".

"E' peraltro evidente - ha proseguito l'assessore -, che la società Helbiz ha iniziato a operare dal mese di Ottobre senza la prescritta presentazione della Scia, che è stata presentata soltanto il 24 Aprile. Si deve anche precisare, a proposito della società Helbiz, che da quanto risulta e da quanto le ha comunicato lo stesso direttore di Pisamo il 19 Aprile, non è stata ancora trasmessa la certificazione antimafia. Per quanto riguarda le autorizzazioni formali rilasciate, non risultano autorizzazioni rilasciate dagli uffici comunali, peraltro non competenti a rilasciare autorizzazioni di questo tipo: compete in definitiva a Pisamo svolgere tutte le indagini per valutare il rispetto o meno delle disposizioni previste dalla normativa".

"L'assessore - ha quindi commentato Auletta - ha smentito la versione dell'amministratore unico di Pisamo, avvocato Bottone, dichiarando che l'autorizzazione e quindi il controllo finale della documentazione spettava a Pisamo essendo la stazione appaltante. Assistiamo ad uno scaricabarile indegno ma andremo fino in fondo. Come abbiamo detto più volte sarebbe il caso che intanto Bottone si dimettesse".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lutto per la scomparsa di Anna Di Milia Tongiorgi, Cavaliere della Repubblica Italiana e fino al 2021 presidente dell’associazione Non più Sola
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Politica

Politica