Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:PISA20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Attualità lunedì 05 gennaio 2015 ore 17:24

"Chi compra a saldo non ha speso a Natale"

Bene le vendite nel fine settimana. Ma Luigi Micheletti (Confesercenti) commenta: "Chi fa acquisti adesso è perché ha rimandato lo shopping natalizio"



PISA — “Le vendite di fine stagione sono iniziate bene. Sabato e domenica abbiamo lavorato e sicuramente ci sarà gente anche a Befana. Ovvio, però, che chi compra a saldo non ha speso nei giorni dello shopping natalizio”. Tirando le somme dopo il primo fine settimana di saldi, il coordinatore Confesercenti per il centro storico Luigi Micheletti osserva l’andamento delle vendite a ridosso delle festività natalizie.

Ma è proprio perché sono iniziati il 3 gennaio che, secondo Micheletti, molti clienti hanno preferito attendere le offerte per fare i loro acquisti: “Abbiamo lavorato molto su giacche e giacconi, capi che il cliente non aveva comprato a Natale”.

Certo, anche la temperatura che solo adesso è diventata invernale, ha giocato il suo ruolo in merito, ma a detta del coordinatore: “Il ruolo principale nello spostare le spese di qualche giorno l’hanno avuto i saldi anticipati. Bene per i consumatori, un po' meno per i commercianti che però non possono fare altrimenti visti i costi di gestione sempre più alti che non possono essere rimandati”.

Partenza con il segno positivo anche grazie ai turisti. “La grande affluenza dei saldi è quasi sempre concentrata nei primi dieci giorni – spiega Micheletti -. Quest'anno quindi contiamo di avere un bel lavoro almeno fino al prossimo fine settimana. In questi primi giorni, compresa l'Epifania, possiamo contare anche sui turisti”. Ma anche per il coordinatore del centro storico Confesercenti rimane la questione della data troppo anticipata. “Come si fa a parlare di vendita di fine stagione in pieno inverno?. Un problema che deve essere affrontato. Con le attuali normative non si può fare altro, ma la logica voleva che i saldi invernali iniziassero almeno a metà febbraio. Tutto questo considerando una concorrenza spietata – conclude Luigi Micheletti – frutto della crisi. Ormai il cliente guarda al portafoglio e compra dove spende meno”. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Determinante il suo apporto alla Parte di Tramonana e alla ripresa della manifestazione degli anni '90. Il cordoglio dell'assessore Bedini
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Bruno Renato Mariotti

Domenica 17 Ottobre 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Spettacoli