Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PISA18°25°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 27 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Germania, Scholz: «I tedeschi vogliono un cambiamento e me cancelliere»

Politica sabato 31 luglio 2021 ore 08:00

Pista di Peretola, consiglio regionale diviso

L'aeroporto Vespucci di Firenze Peretola

Passa un ordine regionale presentato da Forza Italia con i voti della Lega e di buona parte del Pd. Divisione anche in Fdi, dal M5s voti contrari.



FIRENZE — Nel quadro degli atti collegati all’approvazione della nota integrativa al Defr e della prima variazione del bilancio regionale 2021-23, il consiglio della Toscana ha approvato a maggioranza un ordine del giorno presentato da Marco Stella (Forza Italia), sulla necessità di proseguire con il progetto di ammodernamento della pista dell'aeroporto “Amerigo Vespucci” di Firenze Peretola. Il testo, accolti gli emendamenti del Partito democratico, è stato approvato a maggioranza: 28 i voti favorevoli dai gruppi Pd, Italia viva, Lega, Forza Italia e da Francesco Torselli, capogruppo di Fratelli d’Italia (che annuncia libertà di scelta per i propri consiglieri), 4 i voti contrari dal Movimento 5 stelle, dalla consigliera del Pd Ilaria Bugetti e dal consigliere di Fratelli d’Italia, Diego Petrucci. Non ha partecipato al voto, annunciandolo in aula, il consigliere pisano del Pd, Andrea Pieroni.

L’atto di indirizzo impegna la Giunta regionale “affinché prosegua, per le proprie competenze, sulla strada del potenziamento infrastrutturale dell'aeroporto ‘Amerigo Vespucci’ di Firenze, in particolare della nuova pista, indispensabile al rilancio dello scalo fiorentino e dell'economia della Toscana, in un'ottica di sistema aeroportuale toscano integrato con l'aeroporto ‘Galileo Galilei’ di Pisa”.

A fronte delle “rassicurazioni di cui sentiamo la necessità, sulle reali intenzioni della maggioranza verso l’integrazione tra Pisa e Firenze, affinché l’aeroporto di Peretola abbia finalmente la nuova infrastruttura e la nuova pista”, come chiede Marco Stella, il capogruppo del Partito democratico Vincenzo Ceccarelli conferma “le nostre posizioni, chiaramente espresse nel Priim (il Piano delle infrastrutture, ndr), nel Piano di sviluppo regionale e nel programma di governo del presidente Giani”, evidenzia “una perplessità che comincio ad avere: se la società che gestisce gli aeroporti sia ancora fortemente interessata ad andare avanti” e propone gli emendamenti, accolti da Forza Italia.

Silvia Noferi e Irene Galletti (Movimento 5 stelle), hanno definito la discussione “fuori dal tempo e dalla realtà, perché il vecchio progetto è stato respinto e il procedimento al momento non c’è” e ricordano “i lavoratori di Toscana Aeroporti Handling, che la Regione avrebbe dovuto tutelare quando ha deciso di dare 10milioni alla società Toscana Aeroporti”.

Andrea Pieroni (Pd) ha annunciato la decisione di non partecipare al voto “di un atto che è strumentale a una provocazione, alla quale mi voglio sottrarre. L’atto dovrebbe essere rivolto a Toscana Aeroporti, alla quale spettano gli investimenti che qui si chiedono. Pisa e Firenze sono aeroporti a sviluppo correlato, poi si devono mantenere gli impegni presi: da quattro o cinque anni i cantieri su Pisa non si vedono”.

Il capogruppo di Fratelli d’Italia Francesco Torselli ha annunciato il proprio voto favorevole e la libertà di voto lasciata al gruppo. “C’è il tema molto serio dei lavoratori di Toscana Handling e la questione della pista, che temo non sia all’ordine del giorno per i prossimi anni – ha detto Torselli –. Comincio anche ad avere dei dubbi sulle reali intenzioni della società, che sta investendo sulla realizzazione del nuovo terminal e non so se creda ancora nello sviluppo sinergico dei due aeroporti. E nel frattempo sta accompagnando alla porta i lavoratori di Toscana Handling”.

Il consigliere pisano Diego Petrucci (Fdi) ha così spiegato il suo voto contrario: “Siamo favorevoli alla pista, ma deve pagarla la società Toscana Aeroporti. Non si deve fare gli imprenditori facendosi dare i soldi dalla politica e non rispettare le istituzioni che chiedono un confronto”.

Maurizio Sguanci (Italia viva) ha difeso la scelta della nuova pista, “che può permettere di raggiungere due nuove destinazioni, Mosca e Dubai, e di mettere in sicurezza un aeroporto che al momento è tra i quattro più pericolosi d’Europa. Ho detto che altrimenti andremo a Bologna, perché l’alternativa è la chiusura di Firenze e Bologna è la destinazione più funzionale, mentre la metropolitana leggera è antieconomica”.

La consigliera Elisa Tozzi (Pd) ha rilevato le “incrinature all’interno della maggioranza”, mentre il consigliere Gianni Anselmi (Pd) ha chiesto al Consiglio di non “precipitare per l’ennesima volta in una discussione faziosa, precostituita, avvilente per i consiglieri e l’istituzione, mentre stiamo trattando di importanti atti di programmazione economica della Regione”.

“Mentre un sindacato di lavoratori aeroportuali attendeva invano il governatore che stava invece seguendo la votazione in consiglio - questo il commento al termine della votazione da parte di Silvia Noferi e Irene Galletti (M5s) -, nella stessa aula si è pesata la coerenza dei partiti, che si sono spaccati alla resa dei conti sulla nuova pista di Peretola. Il M5S resta invece solido nella posizione espressa da sempre a tutti i livelli: favorevoli a riqualificare i due scali per i loro target di traffico e bacino, nel rispetto dell’urbanistica e dell’ambiente, e contrari a un nuovo aeroporto nella Piana fiorentina. I dem regionali dovranno ora spiegare le loro scelte sui territori che verrebbero danneggiati da questo progetto, la cui procedura è stata bocciata già dal Consiglio di Stato. E al resto della Toscana spieghino come mai le loro priorità, che dovrebbero andare incontro all’interesse pubblico e alle esigenze di chi attende infrastrutture essenziali da anni, sembrano strizzare l’occhio al privato".

"Stupefacente poi - hanno aggiunto Noferi e Galletti - che il Partito Democratico, per poter votare l’ordine dei giorno, abbia chiesto di togliere dalla narrativa che a Sesto Fiorentino appoggerà Lorenzo Falchi, da sempre contrario alla nuova pista, a candidato sindaco. A lui il nostro plauso per la solidità con la quale porta avanti questo impegno".

"Registriamo con grande soddisfazione l'approvazione del nostro ordine del giorno sulla necessità di proseguire con il progetto di ammodernamento della pista dell'Aeroporto 'Amerigo Vespucci' di Firenze - ha quindi commentato il proponente dell'odg Marco Stella -. Forza Italia si conferma ancora una volta il baluardo per lo sviluppo dello scalo fiorentino. Apprezziamo ovviamente il voto favorevole del Pd, ma con preoccupazione rileviamo le contraddizioni sempre più pesanti nel partito che governa la Regione e il Comune di Firenze".

"Il Pd a Palazzo Vecchio - ha ricordato Stella - non più di una settimana fa ha votato una mozione del M5S che chiedeva una tav ferroviaria tra il capoluogo regionale e l'aeroporto di Pisa, tav a cui si erano detti favorevoli sia il segretario nazionale Dem, Enrico Letta, sia il sindaco di Firenze, Dario Nardella. Senza dimenticare che il Pd ha deciso di appoggiare alle elezioni comunali di Sesto Fiorentino il sindaco uscente Lorenzo Falchi di Sinistra Italiana, che cinque anni fa vinse proprio per la sua battaglia contro lo sviluppo di Peretola. Un Pd spaccato in modo così plateale su nodi infrastrutturali importanti e decisivi per Firenze e per tutta la Toscana, non è davvero un bel segnale per il nostro territorio e le nostre imprese".

"Noi come Forza Italia - ha concluso il consigliere di Forza Italia - siamo responsabili e coerenti con la nostra storia, che è sempre stata a sostegno di tutti gli aeroporti toscani. In questa legislatura dobbiamo concentrarci su uno sviluppo a 360 gradi delle infrastrutture. Noi sosteniamo la strategicità degli asset della Toscana, e quello aeroportuale è uno degli asset principali. Siamo per lo sviluppo integrale del sistema aeroportuale toscano e per lo sviluppo dell'aeroporto di Firenze. Con la nuova pista il numero dei passeggeri potrà raddoppiare e si genereranno fino a 5mila posti di lavoro".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Danni per il maltempo sul litorale pisano per i forti venti che si sono è scatenati in poco tempo, tegole volate via e strade invase dai detriti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità