Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:05 METEO:PISA17°26°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 25 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Onorificenza a Liliana Segre, Casellati si commuove: «Lei ha trasformato l'orrore in memoria»

Politica venerdì 17 gennaio 2014 ore 18:10

A Cisanello tra parcheggiatori abusivi e barellati nei corridoi

L'ospedale di Pisa visto dai Fratelli d'Italia. I consiglieri regionali Donzelli e Staccioli lodano il personale e danno la colpa a Rossi



PISA — "Le prime difficoltà le abbiamo riscontrate nei parcheggi: scomodi, allagati e ostaggio di parcheggiatori abusivi”. Inizia così la visita dei consiglieri regionali di Fratelli d'Italia Giovanni Donzelli e Marina Staccioli accompagnati da Diego Petrucci e Filippo Bedini al Pronto Soccorso di Cisanello.

“È indecente - secondo la delegazione - che chi soffre o assiste persone che soffrono debba pagare per un servizio così inadeguato sia il parcheggio che il pizzo al clandestino. I parcheggi degli ospedali dovrebbero essere sicuri e gratuiti".

Non che, secondo i consiglieri, le cose siano migliorate entrando. "Dentro il Pronto Soccorso – aggiungono - rispetto al personale qualificato, competente e cordiale abbiamo trovato delle gravi lacune strutturali. È evidentemente sbagliato pensare che l'ingresso dell'emergenza delle ambulanze sfoci nella coda di attesa per il Triage. Questo comporta problemi di sicurezza e disagi. Anche la realizzazione interna al Pronto Soccorso è stata immaginata senza consultare gli operatori con la conseguenza che medici e infermieri devono percorrere centinaia di volte in una giornata gli stessi corridoi sprecando tempo ed energie preziose".

"Nonostante oggi fosse una giornata tranquilla e la situazione fosse ottimale – spiegano Donzelli, Staccioli, Petrucci e Bedini -, nei corridoi c'erano comunque i barellati in osservazione o in attesa di cure. L'afflusso spropositato e in continuo aumento degli utenti al Pronto Soccorso di Cisanello, conferma che non solo è stata sbagliata la logistica sanitaria territoriale, ma confrema anche il completo fallimento delle Società della Salute che dovevano creare presidi medici diffusi al fine di smaltire sui territori le richieste più semplici e alleggerire così i Pronto Soccorso degli ospedali".

Secondo i consiglieri regionali, poi, manca il personale e ci sono difficoltà nel nuovo reclutamento “non solo per la mancanza di fondi, ma anche per l'obbligo burocratico di ricorrere a graduatorie vecchie e inadeguate alla medicina d'emergenza per la ricerca del personale”.

Uscendo da Cisanello, i consiglieri hanno anticipato la volontà di presentare “in Regione una mozione per liberare dall'obbligo delle graduatorie i Pronto Soccorso. La medicina d'emergenza ha delle peculiarità che devono permettere una selezione pubblica ad hoc, anche alla luce del fatto che da quest'anno si specializzeranno anche i primi studenti in medicina d'emergenza, specializzazione nuova e pensata appositamente, che altrimenti in Toscana rischierebbero di non poter essere valorizzati".

I blitz dei consiglieri nelle strutture sanitarie toscane non si fermano, convinti che “i meriti delle eccellenze toscane sono solo di medici e infermieri, nonostante le difficoltà strutturali, i fallimenti di gestione strategica e delle pessime scelte politiche della sinistra in Toscana negli ultimi decenni, a partire proprio dagli inutile carrozzoni mangia soldi delle Società della Salute tanto volute e difese da Rossi".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nuovo aggiornamento sul fronte Coronavirus. I dati aggiornati alle ultime ventiquattro ore dal bollettino regionale. Nessun decesso nel Pisano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità

Attualità