Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:00 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 26 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, Letta: «Dobbiamo chiuderci in una stanza a pane e acqua per la soluzione»

Politica lunedì 06 giugno 2016 ore 13:35

"In questi decenni abbiamo cambiato Vecchiano"

Giancarlo Lunardi (foto tratta da Facebook)

Il saluto del sindaco Giancarlo Lunardi ai cittadini: "Rimarrò sempre fedele al popolo vecchianese e sarò sempre a sua totale disposizione"



VECCHIANO — “Cari concittadini, in questi decenni abbiamo cambiato Vecchiano". Inizia con queste parole la lettera aperta del sindaco uscente Giancarlo Lunardi ai vecchianesi.

"Abbiamo trasformato un borgo aggredito dalla speculazione e dalle cave, in un comune rispettato in provincia di Pisa e in tutta la Toscana.
Abbiamo sconfitto un'enorme speculazione nella macchia di Migliarino e alla Bufalina e abbiamo contribuito a creare uno dei tre parchi regionali della Toscana. Abbiamo disinquinato i nostri centri abitati con la rete fognaria ed i depuratori, abbiamo creato un'edilizia scolastica di alto livello.
Abbiamo chiuso le attività estrattive quando, da tante parti, si spingeva perché Vecchiano diventasse la cava della Toscana: il nostro Comune, a partire da Avane, Filettole, San Frediano, Vecchiano, Nodica e Migliarino è stato trasformato da un inferno di polvere, mine e traffico pesante di eccezionale entità, in una vivibile terra di Toscana, oltre ad aver salvaguardato le falde dell'acqua potabile dalla distruzione e dall'inquinamento".

Poi parla della riqualificazione litorale e della tutela dell'ambiente. "Con l'acquisto di Marina di Vecchiano, avvenuto il 10 ottobre 1997, 41 ettari di spiaggia per un importo pari a 335.700 euro, abbiamo coronato il sogno di diverse generazioni di Vecchianesi e l'abbiamo dotata di acquedotto, elettricità e una migliore viabilità e parcheggi e, cioè, di quelle infrastrutture necessarie ad avviare un vero e coerente progetto di valorizzazione. Oggi un'ampia parte del litorale di Marina di Vecchiano è destinata a spiaggia libera ed è la meta sia di appassionati della natura, che di tante famiglie con ridotta capacità di spesa. Tutela dell'ambiente e del paesaggio, uso sociale, attività economiche con posti di lavoro, un'entrata per il comune di quasi un milione di euro l'anno, che ha consentito, in questo periodo di grave crisi economica, di non aumentare i costi della mensa e dei trasporti per le famiglie che hanno i bambini a scuola".

L'ormai ex primo cittadino ripercorre poi le tappe che hanno portato al restauro del cinema e al progetto del polo culturale Tabucchi: "Il 25 ottobre 1993, l'acquisto ed il restauro del cinema Olimpia, oggi gestito dal Comune con le associazioni vecchianesi e ritornato ad essere il centro della vita culturale del nostro comune. Per chi, come me, lo aveva frequentato durante la gioventù e poi l'aveva visto decadere, chiudere e trasformare in un magazzino, aver contribuito a riportarlo all'antico splendore è una felicità che solo chi ama i beni comuni può capire. Ed avere, di recente, attivato il progetto della biblioteca e del polo culturale Antonio Tabucchi vuol dire offrire a Vecchiano la possibilità di divenire un centro nazionale ed internazionale della cultura e del turismo ad essa collegato".

"Ogni nostra frazione -prosegue Lunardi- è stata dotata di piazze, parcheggi, fontanelli e aree a verde attrezzato con giochi per bambini: fino a qualche decennio fa in tutto il Comune di Vecchiano esisteva solo piazza Garibaldi, che poi era un parcheggio asfaltato senza uso collettivo. Ma la nostra maggior impresa è senza dubbio aver investito nel volontariato, nella sussidiarietà e nella solidarietà. Oggi, grazie alle convenzioni con le associazioni di volontariato e di promozione sociale, culturali, sociali, sportive e sanitarie del nostro comune, abbiamo potuto mettere a disposizione sedi e contributi e, insieme, abbiamo migliorato la nostra comunità, vitalizzato la società civile e creato una coesione sociale che ci permette di non aver lasciato solo alcun individuo, tanto meno gli ultimi".

L'economia nel nostro paese non è ancora ripartita, ma nel 2016 i vecchianesi pagano meno tasse: "Abolita dal Governo la Tasi, tassa sulla prima casa -sottolinea Lunnardi- l'Amministrazione comunale ha ridotto l'addizionale Irpef di 240mila euro: quasi un milione e mezzo di euro in più del 2015 rimangono quest'anno nelle tasche dei vecchianesi, con una speranza di una ripresa delle attività produttive del nostro comune.
In questi anni siamo stati aperti al confronto con tutti, ma sempre restando orgogliosamente legati all'eredità progressista e riformatrice del mondo del lavoro. Siamo stati uomini di partito, ma non di parte, sempre uomini delle istituzioni democratiche".

"Per tutti gli obiettivi raggiunti in questi anni - prosegue- voglio ringraziare i consiglieri comunali e gli assessori con cui ho collaborato; un ringraziamento speciale ai dipendenti comunali che hanno lavorato moltissimo, consentendoci di ottenere ottimi risultati. Un saluto ed un ringraziamento pieno di affetto e di gratitudine alle donne e agli uomini di Vecchiano, al mio popolo di Vecchiano, al quale rimarrò sempre fedele e a sua totale disposizione. Cari concittadini vecchianesi  -conclude Lunardi- vi auguro le cose più belle, per voi, per le vostre famiglie e per il nostro amato Vecchiano”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'allarme è scattato quando nel complesso militare di San Piero a Grado si è udito uno sparo. L'ipotesi più accreditata è il suicidio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Lavoro