Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:59 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 24 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, ecco il drive-in dove voteranno i contagiati Covid

Attualità venerdì 20 settembre 2019 ore 16:02

La metà dei pisani si muove in bici, bus e a piedi

Conti: "Impegnati per piste ciclabili e tramvia". Pisa primeggia per il bike sharing. I dati della rilevazione per la Settimana della mobilità



PISA — Il 48 per cento dei pisani la mattina si muove in centro in autobus, a piedi o in bici. E' quanto emerso nel corso di una rilevazione effettuata questa mattina dai volontari di Fiab Pisa, in collaborazione con Legambiente e Ufficio Bici di Pisamo in occasione della Settimana Europea della Mobilità.

Oggetto del monitoraggio i ponti Solferino, Di Mezzo e Vittoria.

"In due ore (dalle 7.30 alle 9.30) - sottolinea il Comune di Pisa in una nota- hanno transitato da Ponte di Mezzo 392 auto, 820 biciclette, 8 autobus urbani e 127 moto, mentre sono 2194 sono i pisani, lavoratori, turisti, studenti, che lo attraversano a piedi. Molto più alti i dati sui ponti Solferino e Vittoria con 2.081 auto sul primo e 2.590 sul secondo.

In totale hanno attraversato i tre ponti 5.063 auto (40 per cento del totale), 1.339 biciclette (10 per cento), 1.442 moto (12 per cento) e 3.413 pedoni (27). Conteggiati anche i passaggi degli autobus con un numero stimato medio di 10 passeggeri per mezzo per un totale di 1.410 passeggeri (11 per cento). Pertanto, la somma della mobilità sostenibile (passaggi in bicicletta, a piedi e in autobus) è del 48 per cento sul totale, contro il 52 per cento rappresentato dai passaggi in auto e moto".

"È un primo elemento su cui ragionare – dice il sindaco di Pisa Michele Conti (nella foto insieme ai volontari) - per comprendere le abitudini di chi lavora e vive nella nostra città e ringrazio le associazioni e i volontari per l'impegno profuso nella raccolta dati di questa mattina. Il tema posto dalla “Settimana della Mobilità” deve stimolare le amministrazioni pubbliche ad attivare politiche di mobilità alternative a quelle tradizionali, come stiamo facendo a Pisa con il professor Massimo Dringoli al quale ho affidato la delega specifica. Su questo fronte abbiamo dato il via ai lavori per la pista ciclabile verso il mare e il ponte ciclopedonale di Riglione-Cisanello, così come stiamo lavorando per reperire le risorse necessarie a progettare la tramvia Stazione Centrale - Cisanello".

"L’Amministrazione comunale attraverso Pisamo e l’apposito ufficio bici - aggiunge l'Ente- sta anche incrementando il servizio di bike sharing “CicloPi” proprio per favorire la mobilità sostenibile. A oggi sono 26 le stazioni di Ciclopi distribuite in tutta la città e diventeranno 39 entro il prossimo mese di ottobre, con la creazione di 13 nuovi punti di prelievo e consegna. Inoltre, sono in arrivo altre 60 rastrelliere blocca telaio per un totale di 480 posti che andranno a coprire zone della città particolarmente interessate da questo tipo di mobilità".

Con 2.240 viaggi per anno ogni mille abitanti, Pisa si conferma una delle prime città in Italia sul fronte del bike sharing. "Gli abbonati a CicloPi - conclude il Comune- sono 9.406, di questi 1.400 sono fidelizzati e gli altri sono abbonamenti mensili, settimanali e giornalieri".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La donna, di Viareggio, era in bici con il marito lungo l'Aurelia ed è stata ricoverata in gravi condizioni. E' caccia all'automobilista pirata
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità