Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PISA20°33°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 30 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Scherma, Di Francisca: «Errigo emotiva». Velasco: «Dichiarazioni disgustose»

Attualità venerdì 24 agosto 2018 ore 10:00

Chi era Ubaldo Diciotti

La nave CP941 "U. Diciotti" al porto di Catania

Sulla nave CP941 bloccata a Catania con 150 migranti a bordo il nome del generale lucchese che studiò in Normale e guidò i porti di Livorno e Tripoli



LUCCA — Ubaldo Diciotti, nato a Lucca nel 1878, dopo gli studi in matematica alla Normale di Pisa (biennio in matematica) scalò i vertici della Capitaneria di Porto fino al ruolo di generale. Negli anni ricoprì l’incarico di Comandante dei porti di Molfetta, Barletta, Sebenico, Ancona, Livorno e Napoli, finché nel 1939, nonostante l'anzianità, accettò l'incarico di commissario straordinario e comandante del porto di Tripoli, dando prova di grande impegno e ricevendo per questo nel 1941 la Medaglia d'argento al valor militare della Marina.

"In periodo di eccezionale difficoltà - si legge nella motivazione dell'onorificenza - reggeva i servizi del porto di Tripoli con grande perizia e con piena rispondenza alle imponenti necessità della guerra. In occasione di attacchi aerei nemici dirigeva con prontezza, con decisione e con competenza, durante le stesse azioni di bombardamento, le opere di soccorso ed in particolare a bordo lo spegnimento di una nave incendiata con carico di tritolo e munizioni, dimostrando alto spirito del dovere e sereno sprezzo del pericolo".

Tornato in Italia nel 1941, nel settembre 1943 non aderì alla Rsi e si ritirò a vita privata, morendo a Roma nel 1963. Definito dai quaderni della Marina "uomo dotato di grande umanità e concreta preparazione professionale", la Capitaneria di Porto decise di ricordare il suo nome apponendolo alla nave CP 941 della classe Dattilo, varata a Castellammare di Stabia nel 2013.

Quella nave Diciotti che negli ultimi anni è stata a lungo impegnata nel soccorso in mare dei migranti provenienti dalla Libia, quella Libia che il generale lucchese conosceva bene, e che oggi si trova bloccata nel porto di Catania con 150 migranti a bordo, per volere del ministro Salvini, al centro di uno scontro politico ed istituzionale italiano ed europeo.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La maggior parte dei contagi si è verificata tra i giovani, 28 tra bambini e adolescenti. I dati sanitari aggiornati alle ultime 24 ore
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Giovanni Savino

Martedì 27 Luglio 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità