QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 9° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 17 gennaio 2020

Attualità mercoledì 31 agosto 2016 ore 14:20

Affittacamere abusivi, chiesto un giro di vite

Confesercenti si fa portavoce della richiesta e parla di "Proliferazione di strutture" sorte all'ombra della Torre Pendente



PISA — Pronti a sostenere amministrazione comunale e Guardia di finanza nella lotta all’abusivismo delle strutture ricettive che anche a Pisa sta conoscendo una forte crescita”

L’annuncio arriva dal direttore di Confesercenti Toscana Nord Marco Sbrana, forte di una azione di controlli capillare che è partita in Versilia ed in particolare nel Comune di Massarosa.

“Una città come Pisa in questi ultimi anni ha visto un proliferare di strutture ricettive alternative ai tradizionali alberghi – spiega Sbrana - La stragrande maggioranza in regola con le stringenti normative, ma non sono pochi quelli che si inventano affittacamere eludendo controlli e fisco a dispetto degli imprenditori che invece sono sempre sotto la lente di ingrandimento.

Da anni sosteniamo che il modo più semplice per condurre un’indagine di questo tipo è rappresentato dal raffronto degli elenchi in possesso dell'amministrazione comunale, con quelli facilmente desumibili dai portali di prenotazione on-line». 

Secondo il direttore di Confesercenti Toscana Nord fare un’offerta al pubblico significherebbe esercitare un’attività imprenditoriale, fatto che soggiace a obblighi normativi, fiscali, igienico-sanitari e per la sicurezza sui luoghi di lavoro. 

«L’esercizio abusivo di un’attività turistico-ricettiva - continua - oltre a rappresentare una distorsione della concorrenza a discapito di tutti coloro che operano nel pieno rispetto delle regole, è anche un potenziale fattore di pericolo nei confronti del turista-consumatore, che in assoluta buona fede confida di trovarsi in una struttura regolarmente registrata, e dunque in possesso dei requisiti minimi richiesti per poter operare. 

Esistono precisi obblighi normativi ed amministrativi a carico delle aziende nei confronti del Comune, della Asl e della questura. A questi si aggiunge quello di rispettare le norme del fisco». 

La conclusione di Sbrana: “L’esercizio non professionale di un’attività di affittacamere è previsto dalla normativa della Regione Toscana in materia di turismo, ma prevede condizioni e limiti stringenti. Su tutti la residenza abituale, ma anche la limitazione del numero delle camere e del periodo di esercizio. Aspetti sui quali - conclude - deve essere fatto un controllo rigoroso e puntuale da parte di tutti gli organismi preposti alla vigilanza, onde assicurare il pieno rispetto delle regole. Siamo certi che il Comune di Pisa si stia muovendo in tal senso”.



Tag

Borgonzoni: «Stefano, vogliono che ci tocchiamo la manina» e Bonaccini la bacia

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Politica