Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:30 METEO:PISA15°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 21 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Lupo a spasso nel centro abitato di Pescara: il video dell'incontro

Attualità sabato 02 dicembre 2023 ore 07:30

Al Fortilizio le opere di Borsacchi in mostra

L'inaugurazione della mostra di Borsacchi

L'artista pisano protagonista negli spazi di lungarno Simonelli fino al 17 Dicembre, Bedini: "Un ritorno a casa, Pisa sempre presente nelle sue opere"



PISA — È stata inaugurata al Fortilizio della Cittadella di lungarno Simonelli la mostra dell'artista Cesare Borsacchi curata dal critico d'arte Nicola Micieli, dal titolo Colori e dolori del pianeta.

"Borsacchi è un pisano giramondo, ma un vero pisano, che ha vissuto i primi 25 anni della sua vita in San Rossore - ha ricordato l’assessore alla Cultura, Filippo Bedini - poi la vita l’ha portato in molti Paesi stranieri, fino al 1995, quando è ritornato a casa a Pisa, dove ha continuato a svolgere la sua attività di pittore. Con questa mostra il Comune intende, con convinzione, inaugurare un nuovo filone sinora non adeguatamente valorizzato e dedicato agli artisti che tra Ottocento e Novecento hanno lasciato importanti tracce artistiche nel panorama locale".

"Mentre importanti istituzioni come Palazzo Lanfranchi e la Fondazione Pisa con Palazzo Blu in questi anni hanno lavorato sul tema, il Comune può sicuramente fare meglio da questo punto di vista - ha aggiunto - incominciamo da Borsacchi, che negli ultimi 50 anni ha effettuato mostre in Italia e all’estero e le sue opere sono presenti nei musei e nelle fondazioni di tutto il mondo. Pisa è sempre presente nelle sue opere".

La mostra sarà visitabile fino al 17 Dicembre con apertura in programma oggi e domenica 3 Dicembre con orario dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 18,30; giovedì 7 dalle 15,30 alle 18,30; venerdì 8, sabato 9 e domenica 10 nuovamente anche al mattino; giovedì 14 e venerdì 15 di nuovo nel pomeriggio; e, infine, sabato 16 e domenica 17 dicembre in entrambe le fasce orarie. Contestualmente alla mostra, sarà aperta al pubblico anche la Torre Guelfa.

"Per quanto controllata e persino in parte sigillata in una sorta di visualità araldica - ha affermato Micieli - la pittura di Borsacchi possiede comunque una sua immediatezza, una trasparenza comunicativa. L'arte pre-colombiana e quella tribale africana, la cultura araba e islamica e quella latino-americana hanno contato quanto le opere di insigni grandi maestri dell’arte occidentale conservate nei musei, o la conoscenza sul campo di movimenti quali il muralismo messicano e di artisti di prestigio come Siqueros, che non potevano non impressionare profondamente un pittore come Borsacchi".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'innovativo modello messo a punto dall’Istituto di Biorobotica genera un elettroencefalogramma virtuale che determina l'avanzamento della malattia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Politica