Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:PISA8°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 06 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il crollo degli edifici ore dopo il sisma in Turchia: i video ripresi con gli smartphone

Attualità lunedì 31 ottobre 2022 ore 08:30

Arriva la Tari, scadenze e agevolazioni

Entro il 15 Dicembre il pagamento delle seconda rata. Conti: "Aumentate rispetto allo scorso anno le misure a sostegno di famiglie e imprese"



PISA — E' in corso l’invio degli avvisi di pagamento della tassa sui rifiuti (Tari).

Si tratta del bollettino con la somma dovuta a saldo per l’anno 2022 e in scadenza il prossimo 15 Dicembre. "Se la prima rata di acconto, che l’amministrazione aveva prorogato al 30 Giugno, era stata calcolata in base al piano finanziario rifiuti e alle tariffe della Tari del 2021 la rata di saldo - spiega una nota dell'ente- è legata, come previsto dalla legge, alle nuove tariffe del 2022".

"Considerato il perdurare delle difficoltà economiche che accompagneranno famiglie ed imprese anche per i prossimi periodi – dichiara il sindaco Michele Conti – come amministrazione abbiamo adottato una serie di misure orientate al sostegno delle stesse, aumentando rispetto al 2021 le quote di riduzioni ed agevolazioni. Per quanto riguarda le famiglie gli interventi sono stati molteplici: si va dagli sgravi introdotti nel Regolamento Tari, che sono aumentati in termini percentuali nel 2022, agli importanti bandi promossi a sostegno di famiglie e giovani che saranno aperti a partire dal prossimo 3 novembre e che sono cumulabili con gli interventi proposti nel Regolamento. Per quanto riguarda le imprese, a maggio scorso è stato invece riaperto il bando per ulteriori contributi alle attività economiche a ristoro della tassa dei rifiuti 2021, con numerose attività che hanno quindi di fatto potuto beneficiare nel 2022 di maggiori sgravi e sostegni sulla Tari pagata nel 2021. Sempre per le attività economiche abbiamo inoltre rivisto, in chiave riduttiva, i coefficienti di calcolo della tariffa. Misure che si aggiungono alla decisione di esentare il suolo pubblico per tutti i pubblici esercizi per tutto il 2022, senza alcune agevolazione governativa e con un impegno economico da parte del Comune di circa 500mila euro".

L'amministrazione comunale ha previsto un pacchetto di riduzioni rivolte alle fasce deboli della popolazione (calcolate in base all'indicatore Isee). Per quanto riguarda le utenze domestiche sono le seguenti:

L'esenzione totale è prevista nei casi di nuclei familiari il cui indicatore Isee non supera l’importo della pensione minima erogata dall’Inps agli ex lavoratori dipendenti di età superiore a 65 anni. 

Riduzione del 60 per cento se l’indicatore Isee non supera del 30 per cento la misura che darebbe luogo all'esenzione.

Riduzione del 30 per cento sulle utenze domestiche in cui risiedono nuclei familiari aventi un indicatore Isee non superiore a 25.000 euro che includono un portatore di handicap grave (accertato ai sensi della legge 5 febbraio 1992 n. 104).

Le misure comprendono poi le utenze domestiche in cui risiedono esclusivamente persone di età superiore a 65 anni ed eventuali loro assistenti familiari, titolari di relativo contratto di lavoro, di qualsiasi età:riduzione del 20%della tariffa se l’indicatore Isee è uguale o minore di 20.000 euro e maggiore di 17.000 euro; riduzione del 35% della tariffa se l’indicatore Isee è uguale o minore di 15.000 euro e maggiore di 12.000 euro; riduzione del 50% della tariffa se l’indicatore Isee è uguale o minore a 12.000 euro.

Per accedere a tali riduzioni occorre presentare apposita domanda. Il modulo è reperibile sul sito di Sepi al link: https://www.sepi-pisa.it/it-it/comune/pisa/com-servizi/servizi/tributi-e-canoni alla voce Tassa sui Rifiuti (Tari).

Altre agevolazioni per le famiglie sono previste da specifici bandi.  Il primo si rivolge alle famiglie residenti nel comune e con un ISEE inferiore ai 25.000 euro (“Bonus Tari Famiglie 2022”), il secondo alle famiglie residenti nel comune di Pisa con tutti i componenti di età inferiore a 36 anni ed ISEE inferiore ad 35.000 euro (“Bonus Tari Giovani 2022”). Per accedere a tali contributi, se in possesso dei requisiti previsti negli specifici bandi, occorrerà presentare la relativa domanda dal 3 novembre 2022 al 13 gennaio 2023, esclusivamente in modalità telematica, secondo le indicazioni contenute alla sezione denominata “Sociale” presente alla pagina web: www.comune.pisa.it/it/pagina/servizi-online-e-smart-del-comune-di-pisa.

Ai beneficiari verrà assegnato un contributo economico fino ad un massimo del 40% di quanto dovuto e pagato per la tassa Tari anno 2022 relativamente all’utenza domestica dell’abitazione di residenza. Gli eventuali residui verranno distribuiti fino ad un massimo del 50% di quanto dovuto e pagato. Nel caso in cui la sommatoria dei contributi spettanti, stabiliti nella misura del 40% rispetto a quanto dovuto e pagato per la Tari 2022, ecceda il budget stanziato il Comune provvederà a calcolare una percentuale inferiore definendo i singoli contributi in maniera proporzionale alle singole spettanze.

Agevolazioni per le imprese. Per quanto riguarda le imprese, a maggio scorso è stato riaperto il bando per ulteriori contributi alle attività economiche a ristoro della tassa dei rifiuti 2021, con numerose attività che hanno quindi di fatto potuto beneficiare nel 2022 di maggiori sgravi e sostegni sulla Tari pagata nel 2021. Sempre per le attività economiche sono stati inoltre rivisti, in chiave riduttiva, i coefficienti di calcolo della tariffa. Misure che si aggiungono alla decisione di esentare il suolo pubblico per tutti i pubblici esercizi per tutto il 2022, senza alcune agevolazione governativa e con un impegno economico da parte del Comune di circa 500mila euro.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Addio a Renato Bacconi, segretario generale dal 1981 al 1990. Il cordoglio del sindacato: "Sempre in prima linea per i diritti dei lavoratori"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca