QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 27°34° 
Domani 24°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 21 agosto 2019

Politica mercoledì 20 giugno 2018 ore 09:15

Ballottaggio, divisioni nelle liste Zippel

Maria Chiara Zippel

La candidata a sindaco si è apparentata al ballottaggio con Andrea Serfogli ma alcune delle persone che la sostenevano vanno con Conti



PISA — Maria Chiara Zippel, candidata a sindaco per cinque liste, ha ottenuto al primo turno l'1,6 per cento dei consensi che non le hanno consentito di avere rappresentanza in consiglio.

Per il ballottaggio ha raggiunto un accordo col candidato del centrosinistra Andrea Serfogli con una delle liste in suo supporto, "La Nostra Pisa", il cui simbolo sarà presente nelle scheda di domenica. Una scelta motivata così dalla stessa Zippel.

"La Nostra Pisa appoggerà Andrea Serfogli al ballottaggio del prossimo 24 giugno. La decisione è figlia di un ragionamento attento e scrupoloso dei programmi che Serfogli propone per migliorare la città. Nel suo progetto politico rivediamo molte idee che anche noi abbiamo proposto in campagna elettorale. Con Serfogli da subito c'è stata piena intesa, e abbiamo inoltre riscontrato con piacere la volontà del candidato del centrosinistra di attuare una sostanziosa parte delle nostre idee per Pisa. Al contrario del centrodestra, che fin dalle ore successive all'esito elettorale ha chiuso la porta alle liste civiche, Serfogli ha voluto dialogare coi cittadini che si sono messi in gioco per governare la città, riuscendo ad arrivare a una visione comune di quella che deve essere la Pisa del futuro. Orgogliosi e convinti della nostra scelta, saremo accanto ad Andrea Serfogli nel percorso che lo accompagnerà al ballottaggio. La Nostra Pisa continua a camminare al fianco della gente, per il bene della gente. E il nome di Andrea Serfogli, in questo momento, ci sembra quello giusto per realizzare il nostro sogno. Quello di una Pisa migliore."

Una scelta questa che ha provocato non pochi mal di pancia a molti ormai suoi ex sostenitori, che hanno annunciato l'appoggio al candidato del centro destra Michele Conti, così come faranno tanti che al primo turno hanno appoggiato un altro candidato civico, Raffaele Latrofa di Pisa nel Cuore.

“Oggi – ha detto Raffaele Latrofa – si sancisce quello che avevamo annunciato pochi giorni fa. Noi non possiamo disconoscere l’evidenza, cioè la forte opposizione che negli ultimi cinque anni la nostra lista ha fatto al Pd. Fra la continuità e il cambiamento abbiamo scelto il cambiamento che è impersonato da Michele Conti. Gli elettori non si devono distrarre da quello che è l’obiettivo: il cambiamento”.

Alessandro Ricci, ex candidato legato a Maria Chiara Zippel, ha detto: “Un anno fa abbiamo abbracciato un progetto civico che oggi non è più possibile continuare perché è stato clamorosamente deviato e abbandonato. Questa è una città che vuole cambiare, c’è chi millanta di essere il nuovo che avanza, ma la vera novità e la vera possibilità di cambiamento è impersonata da Michele Conti. Noi lo appoggiamo senza chiedere nulla in cambio se non la realizzazione dei tanti progetti per i quali abbiamo lavorato e che riteniamo innovativi e fattibili per migliorare la vivibilità e assicurare sviluppo alla città. Noi siamo civici e non vogliamo più sposare decisioni legate solo ai vecchi sistemi politici. Ci hanno dato dei voltagabbana, ma noi non siamo qui per contrattare qualcosa”.

Luca Erriquenz, ex candidato di una delle liste Zippel, spiega: “La coerenza della lista a cui appartenevamo è venuta meno a partire dalla persona che ci doveva rappresentare. Continuare sulla vecchia strada e accettare l’apparentamento con il centrosinistra non ha nessuna possibilità. Noi siamo trasparenti e coerenti e ci dissociamo da chi ha cambiato casacca”.

Sulla stessa linea, Franco Romagnoli, capolista e promotore di Pisani per Pisa: “Volevo discontinuità e non posso certo andare a votare per chi negli ultimi 24 anni ha ridotto Pisa in questo stato. Anche le altre civiche volevano il cambiamento che non si otterrà certo appoggiando Andrea Serfogli. Spiace aver fatto per lungo tempo un lavoro che è fallito per colpa di chi ci guidava e lo faceva andando in una direzione sbagliata”.

Pronta la controreplica della Zippel:

""Siamo in piena campagna elettorale per il ballottaggio. Non si tratta di scegliere tra partiti si tratta di scegliere tra due candidati: Conti o Serfogli. Come già ho avuto modo di spiegare la decisione di sostenere Andrea Serfogli è stata frutto di un ragionamento attento e scrupoloso, avvenuto all'interno del movimento civico di cui sono presidente. Purtroppo alcuni si sono dissociati e del resto non avrebbe dovuto meravigliarmi... questi soggetti da sempre hanno manifestato personalismi, attuando una clamorosa virata verso la candidatura di Conti. Una virata inspiegabile e quanto meno stupefacente. Tanto piu in ragione del fatto che sostenere Conti, fortemente legato a poteri che hanno, sede a Roma e Cascina, significa soggiacere ai loro dictat piuttosto che operare nell'interesse dei cittadini e della nostra città. Interesse che non abbiamo mai perso di vista e che è alla base della nostra scelta di sostenere la candidatura a Sindaco di Serfogli.

Personalmente ho ricevuto veri e propri attacchi (sia in campagna elettorale che ora) che sono sotto gli occhi di tutti: insulti personali, volgarità, violenza verbale.
A farle i piccoli eserciti spregiudicati della Lega. Una Lega che cavalca l’insoddisfazione e la rabbia della gente comune, che stenta ad arrivare a fine mese. È una minoranza molto rumorosa che invece di parlare di programmi, di soluzioni, della città: vomita risentimento. Una Lega che ha dichiarato guerra a chiunque rappresenti Pisa senza simboli della Lega e quindi a tutti i civici che vogliono solo una città migliore. Per questo ci odiano, perché siamo un ostacolo al loro progetto di governo totale di Pisa con un solo partito.
Non è questa la nostra storia di pisani, non è questa la nostra Pisa. Ringrazio chi mi ha insultato perché ha dimostrato così che non hanno alcun progetto per Pisa. Mi rattrista vedere che a rimpinguare le fila di questo esercito sono persone in cui avevo riposto fiducia che consideravo non semplicemente compagno di viaggio, ma sinceri amici ai quali mi ero affezionata. Mi sbagliavo stavano solo cercando uno spazio che evidentemente Conti gli ha garantito
."




Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca