Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:26 METEO:PISA21°31°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 17 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Europei di Atletica, oro di Jacobs nei 100 metri: «Ringrazio anche chi mi dà contro, mi dà energia»

Attualità giovedì 21 aprile 2022 ore 14:45

"Non contro i militari ma contro il consumo di suolo"

L'ex centro radar a Coltano

L'associazione ambientalista "La città ecologica" ribadisce il suo no alla base militare a Coltano: "Tutta la città esprima la propria contrarietà"



PISA — Per l'associazione ambientalista La città ecologica il progetto della base militare a Coltano è improponibile, in particolare per il consumo di suolo previsto, oltre 70 ettari. "In merito alla “cittadina” dei Carabinieri a Coltano - ricorda il presidente Pierluigi D'Amico - avevamo auspicato che tutta la città, Sindaco e Consiglio Comunale in testa, si mobilitasse per dire al governo che quella scelta è improponibile per Pisa. Il nostro auspicio è stato nel complesso accolto, a parte il partito del “cemento e moschetto”. Sono venute avanti però proposte quasi altrettanto sbagliate come quella di Ylenia Zambito di realizzare quella “cittadina” poco più in là, a Ospedaletto. Fortunatamente tale proposta è stata contestata dal circolo locale del suo stesso partito".

"Proposte più interessanti sono venute avanti - proseguono da La città ecologica -, come quella di non concentrare le varie strutture dei carabinieri in una stessa nuova “cittadina” ma dividerle tra la sola area dell’ex centro radio a Coltano e la Caserma Gamerra o anche l’Artale, superando l’errore spesso commesso dalle forze armate di voler "valorizzare" le caserme dismesse, favorendo con esse la speculazione edilizia, e poi, quando serve una caserma, realizzarla ex novo. Tutto sta nel mettersi d'accordo che non deve essere consumato nuovo suolo e che quindi, per esempio, le proposte di estensione dell'area occupata oggi dalla Gamerra sono nettamente inaccettabili".

"Chi ha a cuore l'ambiente e il pianeta - conclude D'Amico - non può che contrastare l'ulteriore consumo di suolo naturale. Si può consumare suolo solo in cambio di una rinaturalizzazione di suolo consumato di pari superficie. Inoltre non è il momento di recriminare su chi sapeva e su di chi è il ministro della Difesa. Ci sarà il momento delle recriminazioni e della discussione sulle responsabilità. La Città ecologica auspica ancora che si mettano da parte le divisioni tra contrarietà o esaltazione dell’intervento basate sulla sua natura “militare” e che unitariamente tutta la città, Sindaco e Consiglio comunale in testa, faccia sentire al Governo la propria voce contro questo intervento che, per le sue dimensioni, tutti dovrebbero ragionevolmente ritenere improponibile per Pisa".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Assunzioni anche in provincia di Pisa. L'azienda cerca figure da inserire con contratto a tempo determinato. Come candidarsi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca