Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:30 METEO:PISA21°37°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 24 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane

Cronaca giovedì 20 luglio 2023 ore 12:25

Bonus facciate, 2,6 milioni di euro per lavori mai eseguiti

Operazione della guardia di finanza: maxi sequestro e sopralluoghi in oltre 45 cantieri. Denunciati gli amministratori di una società



PISA — Due amministratori di una società edile con sede a Pisa sono stati denunciati per il reato di indebita percezione di erogazioni pubbliche nell'ambito di una indagine condotta dalla guardia di finanza che ha fatto scattare il sequestro preventivo di circa 2,6 milioni di euro relativi a contributi indebitamente percepiti sotto forma di crediti d’imposta relativi a bonus facciate e ristrutturazioni edilizie.

Dalle indagini, nate da un controllo fiscale sui bonus in materia edilizia, spiega la guardia di finanza, è emerso "Un complesso sistema fraudolento basato sull’emissione da parte di una società general contractor di un numero consistente di false dichiarazioni, volte ad attestare fittiziamente l’esecuzione di lavori edili per 3 milioni di euro, in prevalenza per il cosiddetto Bonus facciate, nei confronti di vari condòmini, in realtà mai eseguiti oppure eseguiti per importi nettamente inferiori".

I sopralluoghi hanno riguardato oltre 45 cantieri dislocati nelle province di Roma, Milano, Monza, Varese, La Spezia, Massa, Lucca, Pistoia, Pisa. I militari, prosegue la nota della guardia di finanza, hanno rilevato "Nella quasi totalità dei condomini la mancata esecuzione dei lavori, l’assenza di ponteggi ovvero di lavoratori all’opera, nonché la mancata esposizione della cartellonistica prevista a norma di legge attinente all’esecuzione dei lavori". Secondo quanto accertato i  condòmini avrebbero anche "Sborsato una somma pari al 10% o al 50% nei confronti dell’impresa edile per l’agognata ristrutturazione".

Secondo la ricostruzione degli investigatori, gli indagati, mediante la presentazione delle false dichiarazioni avrebbero ottenuto indebiti contributi sotto forma di crediti d’imposta, mediante il meccanismo dello sconto in fattura.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il Comune ha ampliato la platea delle famiglie destinatarie della carta acquisti con un contributo una tantum dedicato ai nuclei di una o due persone
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità