Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:50 METEO:PISA13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 28 novembre 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Calcutta, Pardo, Ciro Ferrara e Luca Toni: ecco la boy band che non ti aspetti per «2minuti»

Attualità lunedì 24 luglio 2023 ore 07:00

"Cementificazione in un'area prevista a parco"

Il consigliere comunale Ciccio Auletta
Il consigliere comunale Ciccio Auletta

Diritti in comune chiede all'università di Pisa di rivedere il progetto del nuovo dipartimento di biologia: "Non conforme al regolamento urbanistico"



PISA — Il progetto del nuovo Dipartimento di Biologia è stato discusso e votato nei giorni scorsi  in prima commissione consiliare. Il complesso dovrebbe sorgere lungo via Moruzzi, tra il Cnr e il dipartimento di Chimica, in un'area che , scrive in una nota del consigliere comunale Ciccio Auletta (Diritti in Comune), "Era prevista a parco pubblico".

"Il primo problema  - scrive il consigliere di Diritti in Comune- sta nel fatto che questo avvenga ricorrendo per l’ennesima volta alla procedura che consente di realizzare l’opera grazie ad un intesa Stato-Regione anche se non è conforme agli strumenti urbanistici comunali. Quindi in pratica si vogliono realizzare 81.000 mc di nuovo edificio, impermeabilizzando circa un ettaro di terreno (tra edificio e parcheggi) in barba alla pianificazione comunale. Questo è il modo con cui l’Università intende dialogare con il territorio? Ma entrando nel merito le cose non migliorano, anzi: la non conformità al Regolamento Urbanistico è dovuta al fatto che quell’area era prevista a parco pubblico. Ma non un semplice parco a se’ stante, ma il punto di arrivo di un ampio corridoio ecologico che dalle Piagge portava alla campagna a Nord del Comune di Pisa. Un’infrastruttura verde importantissima sia per la biodiversità che per il benessere degli abitanti. Non pensiamo serva ricordare il caldo eccezionale che stiamo attraversando, la siccità degli ultimi due anni e le alluvioni che hanno devastato ampie zone del territorio italiano: questo è il clima che ci attende nei prossimi anni e ovunque si dice che per contrastare questi cambiamenti e ammortizzarne gli effetti sia necessario migliorare e ampliare le zone verdi e alberate nelle città. Mai distanza fu più grande tra le parole e i fatti". 

"E' grave  - prosegue Auletta - che sia proprio l'università, portatrice del pensiero scientifico, che dovrebbe essere in prima linea per aiutare la società nella mitigazione e nell’adattamento ai cambiamenti climatici, a comportarsi come una banale società immobiliare. Negli anni passati l’Università ha saputo ricavare gli spazi di cui aveva bisogno con importanti progetti di recupero di volumi non più utilizzati, pratica decisamente più sostenibile, ma oggi si preferisce occupare nuovo suolo compromettendone per sempre la possibilità di svolgere quelli che vengono chiamati servizi ecosistemici".

Un altro aspetto, per Auletta, riguarda la mobilità sostenibile. "Il fatto di realizzare questi poli universitari lontani dal centro, dalla stazione, dall’aeroporto, e dalle principali direttrici del trasporto pubblico - scrive il consigliere - non è solo un danno per il consumo di suolo, anche perchè si continua ancora a pensare che la principale modalità di raggiungerlo sia quella dell’auto privata.  Ma qualcuno ha letto gli obiettivi di decarbonizzazione che dobbiamo raggiungere nei prossimi anni? In Europa -prosegue il consigliere - si discute di anticipare l’obiettivo di neutralità climatica a prima del 2050, e noi stiamo ancora progettando le città per le automobili, che nei prossimi due decenni dovranno drasticamente ridursi. Ci deve essere una coerenza tra le parole e i fatti, e soprattutto i fatti non possono sempre e solo significare nuove cementificazioni, come di fatto sta avvenendo da parte dell’Università, in assenza di una strategia condivisa con il Comune che metta al centro il tema del riutilizzo e del recupero. L’abbandono dell’ex Dipartimento di Chimica rappresenta un emblema di queste politiche fallimentari".

Auletta si sofferma poi su un altro punto. "L'amministrazione comunale di Pisa - scrive il consigliere di Diritti in Comune - ha chiesto di realizzare una nuova viabilità di collegamento con via De Ruggero, che andrebbe a finire proprio accanto allo skate park, importante polo attrattivo per giovani e giovanissimi. Si dice che sia per una migliore raggiungibilità e sostenibilità del progetto, ma ancora una volta siamo al ribaltamento della realtà: una nuova strada è un ulteriore attrattore di traffico, fonte di pericolo e di inquinamento, e purtroppo, come è già avvenuto in passato, spesso servono solo a preparare nuove lottizzazioni residenziali, devastando ulteriormente il potenziale parco previsto dal vecchio Regolamento urbanistico".

"Chiediamo quindi alla università di ritirare la richiesta di articolo 81 e rivedere il progetto a partire da un confronto preventivo - conclude Auletta - Da parte nostra ci opporremo fermamente alla nuova ipotesi di viabilità richiesta dalla Giunta Conti".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Condannati per violenza sessuale su minore e per furto, i due sono stati individuati dalla polizia di frontiera nello scalo pisano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità