Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:14 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 27 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, il «quasi» conclave nel ristorante di Roma con Orlando, Provenzano, Ronzulli, Tajani e Cesa

Attualità mercoledì 13 febbraio 2019 ore 17:20

Cisanello, nasce il centro per il ricovero breve

Nasce il Centro multidisciplinare per il ricovero breve: "Una scelta strategica", ha spiegato l'azienda ospedaliera pisana



PISA — Il cinquanta per cento dei pazienti che devono sottoporsi a un intervento chirurgico potrebbero non trascorrere nemmeno una notte in ospedale: sarebbe possibile operarli in totale, completa sicurezza, ricoverandoli la mattina e permettendo loro di tornare a casa nel pomeriggio.

Ne deriverebbero solo vantaggi: un costo minore per la collettività, uno stress estremamente ridotto per i pazienti, cui si aggiungerebbero una drastica diminuzione delle liste d’attesa chirurgiche e un basso rischio di contrarre le tipiche infezioni ospedaliere. Il tutto garantendo i più elevati standard internazionali di qualità e di appropriatezza.
La Regione Toscana e l’Azienda ospedaliero-universitaria pisana, dall’inizio degli anni Duemila, hanno cominciato a percorrere questa strada. Pisa ha impresso una decisa accelerazione al processo nel 2014, con la creazione del Polo multidisciplinare di ricovero breve, che è stato appena trasformato in Centro, cioè una struttura complessa dotata di una totale autonomia gestionale e organizzativa. Il dottor Rocco Rago, già responsabile del Polo, è stato nominato direttore del neonato Centro. Massese, 56 anni, si è laureato e specializzato in anestesia e rianimazione con il massimo dei voti all'università di Pisa. In Aoup dal 1998, ha progettato e sostenuto la nascita del Polo multidisciplinare di ricovero breve che dal 2014 ha fatto crescere, relativamente al numero delle operazioni eseguite, a un tasso medio annuo del 10 per cento. Nel 2018, considerando tutti i reparti dell’ospedale, circa il 23% degli interventi chirurgici sono stati effettuati in day surgery: è ancora lontano l’obiettivo del 50%, ma la nascita del Centro dovrà contribuire in modo sostanziale al suo raggiungimento.
Oltre al numero sta crescendo anche la complessità degli interventi. Il Centro, infatti, è tra i pochi in Europa ad effettuare in day-surgery interventi di paratiroidectomia, cioè di asportazione di una o più paratiroidi oltre ad eseguire interventi di ernia inguinale bilaterale laparoscopica per via extraperitoneale (TEP), di resezioni trans ureterale di vescica (TURB) e di chirurgia pediatrica.
Rago sottolinea come “l'obiettivo di ampliare l'offerta sanitaria e non limitarsi ad interventi di bassa complessità sia stato raggiunto grazie ad un alto livello di esperienza chirurgica e anestesiologica e grazie al sostegno costante dell’Azienda, prima diretta dal dottor Carlo Tomassini e ora dalla dottoressa Silvia Briani”.
Attualmente afferiscono al Centro 15 unità operative che comprendono quasi tutte le specialità presenti in Aoup: chirurgia generale, proctologica, urologica, vascolare, ortopedica, maxillo-facciale, pediatrica e piede diabetico fanno base a Cisanello, mentre ostetricia e ginecologia hanno un loro spazio al Santa Chiara.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il caso, riguardante l'ospedale Santa Chiara, è stato portato all'attenzione pubblica dalla trasmissione di Rete4 "Fuori dal coro"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Politica

Cronaca