Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:28 METEO:PISA22°32°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 11 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Donna premier e di destra, la «missione impossibile» di Meloni: i due messaggi forti e il rischio passi falsi

Cronaca lunedì 27 giugno 2022 ore 18:20

Commercio abusivo, weekend di sequestri

Merce sequestrata sul liotorale pisano

Oltre 3.500 gli articoli sequestrati dagli agenti della Polizia Municipale pisana, impegnati tanto sul litorale quanto in zona Duomo



PISA — Fine settimana di contrasto al commercio abusivo per la Polizia Municipale pisana, che si è ritrovata nei magazzini con circa 3.500 articoli sequestrati. "La stagione estiva è oramai iniziata e, insieme ai turisti, sono puntualmente tornati i venditori abusivi - hanno commentato dal comando di via Battisti -, concentrati sia sulle spiagge del Litorale che nella zona monumentale di piazza dei Miracoli".

Altra merce sequestrata sul litorale

Nello specifico, gli agenti del Distaccamento Litorale, attivi a Marina di Pisa, Tirrenia e Calambrone, tra sabato e domenica scorsi hanno sequestrato più di 3.000 prodotti; tra questi parecchi giocattoli e gonfiabili sprovvisti del marchio di conformità europeo CE e moltissimi articoli di bigiotteria tutti sprovvisti della certificazione obbligatoria di accompagnamento che garantisca l’assenza di materiali nocivi per la salute umana.

Per contrastare con più efficacia il fenomeno degli abusivi, inoltre, gli agenti della polizia locale hanno svolto servizi anche in borghese in spiaggia anche in costume da bagno. "Servizi che continueranno per tutta la stagione estiva - hanno assicurato - e che saranno incentivati nei giorni clou delle imminenti vacanze".

La merce sequestrata in zona piazza dei Miracoli

In zona Duomo, invece, il Nucleo polizia di prossimità ha sequestrato circa 500 pezzi venduti abusivamente, tra i quali articoli con marchi presumibilmente contraffatti di famose griffes di moda, accessori e orologeria.

I venditori, perlomeno quelli che non si sono dati alla fuga abbandonando la merce alla vista degli agenti, sono stati sanzionati con una multa da 5.000 euro mentre la merce venduta o esposta è stata sequestrata e, una volta confiscata, sarà distrutta negli impianti Geofor.

"Quello della vendita illegale è un fenomeno che non conosce flessioni e che la Polizia Municipale contrasta energicamente - hanno aggiunto dal comando -, non solo perché vietato dalla legge ma anche perché potenzialmente pericoloso per la salute delle persone".

"La Polizia Municipale di Pisa è tra le più attive, in Italia, per quanto riguarda la lotta al commercio abusivo - ha ricordato il comandante Alberto Messerini -; nella sola estate 2021 sono stati circa 12.000 gli articoli sequestrati e distrutti, senza considerare le bottiglie di birra ed altri alcolici che vengono venduti nelle zone della “movida” cittadina e che, dall’inizio dell’anno ad ora, sono già più di 1.000. Il commercio abusivo, qualunque sia il prodotto che viene venduto, alimenta una rete spesso controllata da organizzazioni criminali oltre a costituire una pratica illegale ed una concorrenza sleale nei confronti di negozianti ed esercenti. Senza mai dimenticare che un prodotto acquistato da venditori non autorizzati, causa la mancanza di qualsiasi controllo sui materiali e sulla qualità, può provocare seri danni alla salute di chi lo usa e di chi lo indossa".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Secondo Ciccio Auletta la ditta incaricata sarebbe stata oggetto di un’interdittiva antimafia da parte della Prefettura di Salerno
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità