comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 21°28° 
Domani 19°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 06 luglio 2020
corriere tv
#iorestoacasa, le note di Morricone in versione rock scaldano una piazza Navona deserta

Cronaca mercoledì 05 febbraio 2020 ore 17:30

Corruzione, inchiesta in Comune, sette indagati

La Procura ha fatto il punto sulle indagini che hanno scosso Palazzo Gambacorti. Fra gli indagati un tecnico comunale e un agente della Municipale



PISA — Sono sette gli indagati dalla Procura di Pisa in un'inchiesta che ieri ha portato all'esecuzione di altrettante misure interdittive cautelari disposte dal gip. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono corruzione e rivelazione di atti d'ufficio. La notizia era stata anticipata ieri dall'amministrazione comunale con una nota incentrata sui due dipendenti comunali coinvolti nella vicenda, interdetti dai pubblici uffici e quindi sospesi dal servizio (vedi qui sotto gli articoli collegati).

Gli accertamenti dei carabinieri, ha spiegato questa mattina il procuratore capo Alessandro Crini, sono partiti nel febbraio 2019 a seguito di una segnalazione arrivata dall'interno della polizia municipale. Le indagini, condotte avvalendosi anche di intercettazioni telefoniche e ambientali, si sono presto diramate in due filoni.

Il primo filone vede coinvolti un agente di polizia municipale, indagato per rivelazione di atti d'ufficio, e due ristoratori. La procura indaga sia sui controlli circa l'occupazione di suolo pubblico sia su presunti legami d'affari fra i tre, in relazione alla gestione di una casa vacanze sulle colline pisane.

Il secondo filone d'indagine vede coinvolti un dipendente dell'ufficio tecnico comunale, indagato per corruzione, e tre professionisti, indagati per concorso in corruzione. In questo caso l'attenzione degli inquirenti si è concentrata su alcune pratiche edilizie e agli atti ci sono video in cui sarebbero documentati passaggi di denaro all'interno degli uffici comunali.

Ieri il giudice per le indagini preliminari, accogliendo parzialmente le misure cautelari richieste dalla procura, ha disposto l'interdizione dai pubblici uffici per entrambi i dipendenti comunali indagati. Ai tre professionisti e a uno dei due ristoratori è stato invece imposto il divieto di esercitare la professione per un anno, all'altro ristoratore il divieto di dimora a Pisa.

"E' da ritenere significativo il fatto che le indagini siano partite da una segnalazione interna alla polizia municipale - ha commentato Crini - L'intervento di ieri è stato ritenuto necessario per interrompere attività che ci sono apparse consuetudinarie". 

Le indagini della Procura, coordinate da Silvia Alemi, vanno avanti. Sulla vicenda è intervenuto oggi anche il sindaco Michele Conti.

"Sulle indagini preliminari in corso vige il segreto istruttorio a cui ci dobbiamo attenere - ha dichiarato il primo cittadino - Nel tardo pomeriggio di ieri, appena siamo stati messi a conoscenza, abbiamo tempestivamente diramato una nota per avvertire subito la cittadinanza di quello che stava accadendo, com’è dovuto e come ho voluto per garantire la massima trasparenza. Stamattina ho provveduto a trasmettere l’atto notificato al Segretario Comunale come responsabile Anticorruzione dell’Ente per l’immediata adozione degli atti di competenza nei confronti dei dipendenti coinvolti: l’atto di contestazione degli addebiti per l’avvio dei procedimenti disciplinari, la sospensione dal servizio e altri provvedimenti amministrativi conseguenti".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Sport

Attualità

Cronaca